Un uomo di 72 anni è stato arrestato dagli agenti dei commissariati di Porta Maggiore, Tor Pignattara e del Reparto Volanti e portato in carcere con la pesante accusa di tentato omicidio. Poco prima, infatti, aveva accoltellato il suo coinquilino perché non pagava l'affitto. Il gravissimo episodio è avvenuto a Roma la sera del 2 ottobre, nella zona di Porta Maggiore. È stato questo il motivo che ha scatenato la furia dell'anziano – il mancato pagamento di alcune mensilità – che ha quindi afferrato un coltello dalla cucina e l'ha piantato addosso all'affittuario inadempiente, che fortunatamente è riuscito a divincolarsi e a fuggire. Ed è stato proprio lui a chiamare i carabinieri, intervenuti sul posto per capire cosa fosse accaduto e bloccare l'aggressore.

Accoltella il coinquilino perché non paga l'affitto e aggredisce gli agenti

Dopo aver chiamato un'ambulanza per soccorrere il ferito, gli agenti si sono diretti verso il luogo dell'aggressione per arrestare il 72enne. Quando sono entrati in casa – usando le chiavi del coinquilino, ormai portato in ospedale – hanno trovato l'uomo che stava cercando di lavare il coltello per togliere le tracce di sangue: alla vista degli agenti gli si è lanciato addosso, tentando di ferirli, ma è stato bloccato e ammanettato. Dopodiché è stato portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria in attesa del processo: è accusato di tentato omicidio. Sul luogo dell'aggressione sono intervenuti anche gli agenti della Polizia scientifica, che hanno esaminato la scena e il coltello: sulla lama sono state trovate tracce ematiche compatibili con l'aggressione. Il ferito è stato curato in ospedale: le sue lesioni sono state giudicate guaribili in dieci giorni.