Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Ripetutamente picchiata e maltrattata, spesso anche alla presenza del figlio di appena due anni. La vittima, una ragazza di 20 anni, non ha mai trovato il coraggio di denunciare il suo compagno, un 25enne di nazionalità romena, ma per fortuna ci hanno pensato i carabinieri della stazione Roma Aventino. Il ragazzo è stato denunciato dagli stessi militari per maltrattamenti in famiglia e ieri è stato arrestato.

Il gip del tribunale di Roma, al termine di una delicata indagine condotta dai carabinieri, ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 25enne. A inchiodarlo sarebbero state le testimonianze di parenti della donna, di vicini di casa e dei medici che più volte hanno avuto in cura la 20enne a causa delle continue violenze di lui. La giovane, fanno sapere i carabinieri, versava in una condizione di completa vessazione e soggezione, fisica e psicologica. Più volte avrebbe riportato lesioni e ferite e più volte si sarebbe rivolta ai pronto soccorso dei vicini ospedali. Anche in assenza della denuncia della parte lesa, si legge nel comunicato dei militari, i Carabinieri della Stazione Roma Aventino hanno indagato d’ufficio, di iniziativa, assicurando alla giustizia l’uomo violento che si trova ora presso il carcere di Regina Coeli.