La Pecora Elettrica
in foto: La Pecora Elettrica

Il Caffè-libreria la Pecora Elettrica di Centocelle è stato distrutto, per la seconda volta in pochi mesi, da un incendio doloso. E dalla saracinesca ancora abbassata del locale è partito questa mattina il tour della Commissione Antimafia della Regione Lazio. Residenti, consiglieri regionali e associazioni si sono incontrati davanti alla Pecora per discutere in merito alla situazione del quartiere romano, un "quartiere vivo" secondo i cittadini. La vicepresidente del consiglio regionale del Lazio, Chiara Colosimo, ha spiegato che le istituzioni "devono essere presenti presenti sul territorio e devono essere vicina ai cittadini perché la lotta alla mafia e alla criminalità non si deve mai fermare". Con lei erano presenti i consiglieri regionali Rodolfo Lena, Marta Bonafoni e Marta Leonori, e l'assessore regionale del Lazio allo Sviluppo economico Paolo Orneli e il presidente dell'Osservatorio sulla legalità, Giampiero Cioffredi. "Non servono soltanto presidi di sicurezza che sono importanti certo, ma creare cultura, socialità. Far vivere i quartieri, farli uscire dal l'isolamento", ha dichiarato Lena.

"Questa mattina il confronto con i cittadini, durante la seduta della commissione Antimafia del Consiglio regionale, si è rivelato di fondamentale importanza per impostare il lavoro da intraprendere su Centocelle assieme agli altri livelli istituzionali. Un momento di ascolto vero e un ragionamento sulle criticità ed i punti di forza. Dalla Regione Lazio, oltre al fondo regionale a sostegno delle vittime degli atti dolosi e l'aiuto che daremo per la nascita di luoghi di aggregazione e culturali, studieremo con i comitati e le associazioni come realizzare un modello di sviluppo locale responsabile e sostenibile. Che faccia da esempio anche in altri quadranti della città e che mandi una risposta forte e chiara ai poteri criminali", ha dichiarato invece Bonafoni.