Pamela Mastropietro
in foto: Pamela Mastropietro

Pamela Mastropietro sarà sepolta a Roma. A stabilirlo una proposta di delibera avanzata dal Capidoglio per la concessione di una tomba a titolo gratuito all'interno del Cimitero Monumentale del Verano, dove riposerà la diciottenne uccisa brutalmente a Macerata nel gennaio del 2018. Proposta che ora attende l'approvazione dell'Assemblea capitolina. Come indicato, se troverà l'approvazione in tutti gli step previsti dall'iter burocratico, il loculo sarà destinato alla madre della giovane e ospiterà le spoglie di Pamela. A carico dell'amministrazione capitolina anche il trasferimento della salma in città, ricevuto il nulla osta per la sepoltura dall'Autorità Giudiziaria. Un desiderio fortemente espresso dalla madre di Pamela, Alessandra Verni e preso in carico da Giorgia Meloni di FdI.

Oseghale condannato all'ergastolo

Per l'omicidio di Pamela Mastropietro la giuria popolare del Tribunale di Macerata ha condannato all'ergastolo e a diciotto mesi di isolamento Innocent Oseghale. Oseghale è stato giudicato colpevole di tutti i reati contestati: l’omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale, il vilipendio, la distruzione del cadavere e l’occultamento della salma.

L'omicidio di Pamela Mastropietro

Pamela Mastropietro si è allontanata dalla comunità ‘Pars' di Corridonia, dove era ricoverata per la sua dipendenza dalle droghe, il 28 gennaio del 2018 ed è stata ritrovata morta tre giorni dopo, fatta a pezzi e chiusa all'interno di una valigia sul ciglio della strada a Pollenza. Un delitto atroce, come è emerso nei mesi successivi dagli accertamenti e dall'autopsia sul cadavere della diciottenne: Pamela è stata uccisa a coltellate e smembrata poi lavata con la candeggina.