Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma
9 Luglio 2020
19:31

Omicidio Sacchi, il fratello di Luca: “Fra lui e Anastasiya le cose non andavano bene”

Il fratello di Luca Sacchi ai giudici: “Con Anastasiya le cose per Luca non andavano bene, li avevo visti allontanarsi. Vedevo sempre più spesso Giovanni Princi. Tra lui e Anastasiya invece i rapporti ultimamente erano sempre più buoni”.
A cura di Enrico Tata
Luca Sacchi e Anastasiya
Luca Sacchi e Anastasiya
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma

Davanti ai giudici della prima corte d'assise di Roma oggi si è presentato Federico, il fratello di Luca Sacchi, il 24enne romano ucciso nella notte tra il 23 e il 24 ottobre in zona Appio-Latino. Il ragazzo ha raccontato alla corte che nelle ultime settimane i suoi rapporti con il fratello "non erano ottimi. Anche con Anastasiya le cose per Luca non andavano bene, li avevo visti allontanarsi. Vedevo sempre più spesso Giovanni Princi. Tra lui e Anastasiya invece i rapporti ultimamente erano sempre più buoni". La sua versione è compatibile con quanto emerso dai messaggi che si scambiavano Luca e la fidanzata nei giorni che hanno preceduto la tragica nottata in cui il 24enne ha perso la vita. Anastasiya avrebbe organizzato con Princi, questa è l'ipotesi degli inquirenti, lo scambio soldi-droga, 15 chili di hashish per 70mila euro, con Valerio Del Grosso e Paolo Pirino. Luca, almeno questo è ciò che emerge dalle conversazioni in chat con Anastasiya, era a conoscenza della vicenda, ma avrebbe cercato in tutti i modi di dissuadere la ragazza dal portare a termine lo scambio. Federico Sacchi, che quella sera era presente, ha detto ai giudici di come Princi si sia allontanato dal pub poco prima dell'omicidio compiuto da Del Grosso (è stato lui a premere i grilletto).

L'altro testimone: "Anastasiya aggredita, Luca reagì"

Nel corso dell'udienza è stato ascoltato anche Domenico Costanzo Marino Munoz, amico di Sacchi e testimone oculare: "Anastasiya è stata colpita due volte con il bastone e all'intervento di Luca, Del Grosso ha fatto fuoco", la sua versione. Del Grosso, secondo quanto riferito, avrebbe cercato di trasformare lo scambio in una rapina e avrebbe aggredito la ragazza. Sacchi è intervenuto in difesa della fidanzata e l'altro ha premuto il grilletto della pistola. "Ho sparato, ma non volevo uccidere Luca. Dopo quanto accaduto non volevo scappare. Sono andato a dormire nell'hotel dove andavo qualche volta quando volevo stare da solo. Non ho preso soldi, nello zaino non c'erano soldi", ha dichiarato davanti ai giudici Del Grosso.

155 contenuti su questa storia
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: "Non mi ha visto quando gli ho sparato"
Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: "Non mi ha visto quando gli ho sparato"
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni