1.030 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Maggio 2020
14:03

Ombrelloni e lettini distanziati ad Ostia, gli stabilimenti: “Pronti a riaprire”

Ancora nessuna data né linea guida per l’apertura degli stabilimenti. Fanpage.it ha intervistato i titolari delle strutture balneari sul lungomare di Ostia, per capire come si stanno oragnizzando, in attesa della ripartenza. L’ipotesi è che in spiaggia entreranno meno ombrelloni e lettini, così come saranno meno i coperti nei ristoranti, mentre ad aumentare saranno i costi.
A cura di Redazione Roma
1.030 CONDIVISIONI
Gli stabilimenti di Ostia si preparano per riaprire (Foto di Simona Berterame)
Gli stabilimenti di Ostia si preparano per riaprire (Foto di Simona Berterame)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I proprietari degli stabilimenti balneari d'Italia non sanno ancora quando e come sarà concessa la riapertura in vista dell'estate alle porte. Ad Ostia i gestori fanno le prove, ipotizzando come potrebbero posizionare lettini ed ombrelloni, metro alla mano, rispettando la distanza di sicurezza. Così ci si prepara alla nuova stagione, dopo aver riaperto le strutture balneari per i consueti lavori di manutenzione, stabilimenti che però restano ancora interdetti al pubblico, sul litorale romano, così come sulla restante parte del Paese. Fanpage.it in questo clima ancora incerto ha intervistato i titolari delle strutture balneari, per capire cosa si attendono e come secondo loro potrebbe rivelarsi la partenza.

Meno ombrelloni sulle spiagge e coperti nei ristoranti

"L'ipotesi alla quale pensiamo, è quella di una griglia in cui gli ombrelloni sono distanziati quattro metri gli uni dagli altri – spiega Michele De Fazio, stabilimento La Bonaccia – In questo modo, dai 240 ombrelloni soliti, posso disporne 130, al massimo 140″. E su un possibile incremento dei costi aggiunge: "Sicuramente lo avremo, serve sanificazione, servizio in spiaggia, gestione delle file ai bagni e alle docce". Pasquale Lubrano, titolare della ‘La Capannina', ci ha fatto fare un giro sulla sua terrazza, dove solitamente ospita 90 persone: "Bisogna vedere cosa accadrà, se con le nuove disposizioni ne entreranno 50 è un discorso, se saranno meno è necessario capire se valga la pena aprire. Lo Stato ci deve dire come ci dobbiamo comportare, se ci conviene lo facciamo, altrimenti preferiamo tenere l'azienda chiusa".

Spiagge salubri come parchi e aree verdi

"Siamo ancora in attesa di capire quali saranno le misure di sicurezza che verranno messe in campo dall'Istituto Superiore della Sanità e dal Minstero della Salute – ha detto Andrea Defonte, portavoce del Comitato balneari dei Ostia – Siamo rimasti delusi dall'ultimo dpcm per ciò che riguarda le nostre attività: comprendiamo la prudenza del Governo ma al tempo stesso riteniamo che un posto salubre come sono le spiagge possa essere equiparato ai parchi e alle aree verdi, con tutte le dovute misure di sicurezza".

Di Simona Berterame e Alessia Rabbai

1.030 CONDIVISIONI
32138 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni