Immagine di repertorio (La Presse)
in foto: Immagine di repertorio (La Presse)

Era ubriaco, senza patente e non aveva l'assicurazione il giovane motociclista che venerdì sera a Nettuno ha investito una coppia di turisti romani. Le due vittime dell'incidente, un 41enne e una 34enne, se la sono cavata rispettivamente con 15 e sette giorni di prognosi. E sette giorni è la prognosi anche per il motociclista, un 27enne la cui posizione però si fa sempre più grave man mano che emergono nuovi dettagli sulle condizioni in cui si era messo alla guida della sua due ruote. In primo luogo il 27enne non avrebbe dovuto proprio essere in sella: nel 2016 era stato sorpreso ubriaco alla guida e la patente, dopo opportune verifiche mediche, gli era stata confermata solo per un anno. Nel 2017 però il giovane non aveva ripetuto la prova ed era dunque da allora senza la licenza di guida. Venerdì sera, quando in via della Liberazione il giovane ha investito i due turisti che stavano attraversando sulle strisce pedonali, il 27enne aveva anche bevuto una quantità eccessiva di alcol, come hanno dimostrato i successivi test i cui risultati sono arrivati ieri. E a completare il quadro non certo edificante c'è la circostanza che il giovane non fosse in regola né col bollo né con l'assicurazione.

La polizia ha chiesto al prefetto l'annullamento del permesso di guida

Per il momento, secondo quanto riporta il quotidiano "Il Messaggero" che ha riportato la notizia, il 27enne è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e senza patente e multato per duemila euro. La polizia stradale di Nettuno è però ancora in attesa dei risultati sugli stupefacenti che potrebbero aggravare la posizione del giovane motociclista: la Polstrada ha comunque già chiesto al prefetto l'annullamento definitivo del permesso di guida per il 27enne.