Tre persone sono state arrestate e una quarta denunciata a piede libero con l'accusa di rapina. Gli episodi sono accaduti tra la sera e la notte di ieri in due zone molto frequentate della movida di Roma, Testaccio e Trastevere, dove sono più frequenti i controlli da parte dei carabinieri affinché il "popolo della notte" possa trascorrere serenamente le proprie serate. Nel primo caso a finire in manette è stato un 29enne, senza fissa dimora e già noto alle forze dell'ordine. Il ragazzo è entrato in azione in via Nicola Zabaglia aggredendo un ragazzo di 21 anni per sottrargli con la forza il cellulare. Dopo essersi impossessato del telefono è fuggito, ma poco dopo è stato bloccato dai militari dell'Arma. La vittima della rapina è riuscita infatti in pochi minuti a fornire una dettagliata descrizione del rapinatore ai carabinieri che hanno così potuto individuare il malvivente. Il 29enne ha provato anche a opporre resistenza all'arresto cercando di aggredire i carabinieri: per questo, oltre all'accusa di rapina, dovrà rispondere anche di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

La seconda violenta rapina in piazza Trilussa: vittima una coppia

Il secondo intervento dei carabinieri è avvenuto nei pressi di piazza Trilussa, a Trastevere. Qui i rapinatori entrati in azione sono stati tre, tutti giovanissimi: mentre uno di loro faceva da palo controllando la strada gli altri due, un 17enne e un 19enne, hanno aggredito una coppia per impossessarsi dell'orologio di una ragazza. Uno dei due rapinatori teneva fermo il fidanzato della giovane, mentre l'altro non ha esitato a colpire con un pugno in faccia la ragazza per vincere la sua resistenza e sfilarle l'orologio. Dopo la violenta rapina, che per fortuna non ha provocato serie conseguenze per la vittima, i tre sono fuggiti. Anche in questo caso però la coppia rapinata è riuscita a fornire subito ai carabinieri indicazioni utili per individuare i malviventi che sono stati bloccati non lontano da piazza Trilussa, in via Del Moro. Due di loro sono stati arrestati mentre il palo è stato denunciato a piede libero.