Foto d’archivio
in foto: Foto d’archivio

Il piccolo Davide, quattro anni, è morto ieri mattina dopo cinque giorni di agonia. Ricoverato da venerdì scorso al policlinico Gemelli di Roma, il bimbo è rimasto soffocato da un pezzetto di wurstel. Il papà e il nonno lo hanno soccorso per primi: Davide era in casa e stava mangiando un wurstel, poi improvvisamente ha cominciato a tossire, respirava male fino a soffocare. Il padre l'ha accompagnato d'urgenza alla Croce Blu di Guidonia, dove i medici, dopo averlo rianimato, hanno disposto un trasferimento d'urgenza in eliambulanza al Gemelli. Cinque giorni di ricovero e di speranze per la famiglia, poi ieri è arrivata la notizia: il piccolo Davide non ce l'ha fatta. Stando a quanto si apprende, il bimbo aveva ricominciato a respirare, era alimentato con una sonda, circostanze cliniche che facevano sperare per il meglio, ma nelle ultime ore il quadro si è aggravato e i medici, pur cercando in tutti i modi di salvare il piccolo, hanno dovuto decretarne la morte.

Il precedente: Francesco, due anni e mezzo, rimase soffocato da un wurstel all'Ikea

Nel 2014 si verificò un episodio simile a Roma. Francesco, appena due anni e mezzo, rimase soffocato da un wurstel all'Ikea davanti al centro commerciale di Porta di Roma alla Bufalotta. Il bambino stava mangiando un hot dog in compagnia dei suoi genitori, quando anche in quel caso un pezzetto di wurstel gli andò di traverso.