È morto ieri a Roma l'editore Giovanni Carocci. Aveva 86 anni. Nato a Firenze nel 1932; Carocci malato da tempo. Lascia una figlia, una compagna e tre nipoti. Figlio del senatore Alberto Carocci (che fu fondatore delle riviste Solaria e Nuovi Argomenti con Alberto Moravia), Giovanni Carocci fu da sempre tra i leader nelle pubblicazioni scientifiche. Fondò a Roma La Nuova Italia Scientifica (costola universitaria della storica casa editrice La Nuova Italia), poi Carocci Editore dal 1989. Trent'anni di attività, libri rivolti al mondo degli studi e delle professioni e più di recente proposte editoriali rivolte al lettore generale in una vasta gamma di ambiti disciplinari: dalla filosofia agli studi storici, dalla psicologia agli studi religiosi, all'archeologia alla storia dell'arte, dalla linguistica alle letterature.

Nel 2009 la casa editrice è stata rilevata al 60% dal Mulino ed è stato avviato un piano di ristrutturazione destinato a
pesare anche sulla forza lavoro. Ci fu un confronto non privo di asprezze per scongiurare i licenziamenti che poi, grazie ad un accordo raggiunto tra sindacati e azienda furono ridotti.