581 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Marzo 2020
20:22

Morto a 35 anni per coronavirus: individuati e isolati tutti i contatti di Emanuele

I compagni di viaggio di Emanuele Renzi sono stati isolati e tutti i contatti stretti sono stati rintracciati. L’ultimo giorno lavorativo del ragazzo è stato il 9 marzo e tutti i possibili contatti del 35enne sono stati avvisati e isolati. La Asl si metterà in contatto con ognuno di loro per verificare il loro stato di salute.
A cura di Enrico Tata
581 CONDIVISIONI
Emanuele Renzi
Emanuele Renzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Emanuele Renzi è morto a causa del coronavirus al Policlinico di Tor Vergata. Aveva 34 anni. Stando ai risultati dell'analisi epidemiologica, dal 6 all'8 marzo è andato con alcuni amici a Barcellona, in Spagna e questi ultimi sono ora in isolamento fiduciario. Al suo ritorno, il 9 marzo, è tornato in servizio presso il call center dove lavorava. Il 10 marzo si è auto isolato perché sono comparsi i primi sintomi e mercoledì 11 ha iniziato a stare male. Lunedì 16 marzo, dopo aver parlato con il suo medico di famiglia, è stato ricoverato presso il Policlinico di Tor Vergata. E' morto dopo sei giorni.

Rintracciati e isolati tutti i contatti

I compagni di viaggio, come detto, sono stati isolati e tutti i contatti stretti sono stati rintracciati. L'ultimo giorno lavorativo del ragazzo è stato il 9 marzo e tutti i possibili contatti del 35enne sono stati avvisati e isolati. La Asl si metterà in contatto con ognuno di loro per verificare il loro stato di salute. Domani, presso l'Istituto Spallanzani, verrà effettuato l'autopsia sul cadavere di Emanuele. "Era sano, praticava sport regolarmente e non fumava", ha raccontato il papà in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera.  Sarebbero circa 4mila le persone che lavorano all'interno del call center in via Faustiniana 28 dove lavorava Emanuele. "Quel giorno un collega ha chiamato il 112 in preda al panico per segnalare che stavamo lavorando tutti vicini, in una condizione di rischio altissimo. Quel giorno era a lavoro anche Emanuele: tra le persone che hanno parlato con le forze dell'ordine arrivate sul posto, c'era anche lui", ha raccontato un collega. 

581 CONDIVISIONI
32465 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni