Franco Zeffirelli al Festival Internazionale del film di Roma nel 2009.
in foto: Franco Zeffirelli al Festival Internazionale del film di Roma nel 2009.

Anche Roma saluta per l'ultima volta Franco Zeffirelli, il regista toscano scomparso nella Capitale nella giornata di oggi, all'età di 96 anni. E lo fa attraverso un tweet del sindaco Virginia Raggi, che lo ricorda come un maestro il cui "sguardo originale" e la cui "forza narrativa", rimarranno per sempre scolpiti "nella storia del cinema italiano ed internazionale". Franco Zeffirelli, all'anagrafe Gian Franco Corsi Zeffirelli, era nato a Firenze nel 1923 ma era da anni viveva a Roma: già negli anni cinquanta, condivideva villa Visconti, sulla via Salaria, con il regista milanese Luchino Visconti (scomparso a sua volta a Roma nel 1976), che aveva conosciuto agli esordi, quando aveva lavorato con lui come scenografo nel secondo dopoguerra. Il suo rapporto con la Capitale era stato anche ulteriormente sigillato dalla vittoria del Premio Colosseo 2009. per il suo cortometraggio "Omaggio a Roma". Già da tempo, il regista era costretto sulla sedie a rotelle, e da quasi cinque conviveva con una forte bronchite.

Il messaggio del Sindaco Virginia Raggi

Questo il messaggio pubblicato dal sindaco di Roma Virginia Raggi (Movimento Cinque Stelle), poco dopo la notizia della scomparsa del regista toscano nella Capitale:

"Salutiamo Franco Zeffirelli, scomparso oggi. Il suo sguardo originale e la sua forza narrativa resteranno scolpiti per sempre, nella storia del cinema italiano e internazionale".