Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

È morta in ospedale la neonata partorita ieri in casa a Vitinia, Ostia, e trovata con profonde ferite alla testa e sul corpo. La madre è stata fermata per omicidio nei confronti della piccola e ora si trova agli arresti domiciliari. La donna aveva partorito in casa e la piccola era stata accompagnata all'ospedale Bambino Gesù subito dopo il parto, ma oggi è morta. Era arrivata già in condizioni disperate con un gravissimo trauma cranico contusivo.

Si indaga per omicidio, la mamma: "Non sapevo di essere incinta"

Sul caso sta indagando il pm della procura di Roma Antonella Giammaria. La mamma della neonata morta, una ragazza di 30 anni italiana ma di origini svedesi, ha detto in lacrime: "Non sapevo di essere incinta. Mia figlia è caduta per terra". Stando a quanto si apprende, sul posto ieri sono intervenuti i carabinieri della stazione di Ostia. I militari hanno trovato la piccola avvolta in un asciugamano con ancora il cordone ombelicale attaccato alla placenta. La nonna sarebbe entrata in camera e avrebbe visto la figlia sdraiata sul letto e la neonata a terra. Per questo avrebbe immediatamente dato l'allarme. Sono in corso le indagini per cercare di ricostruire nei dettagli quanto accaduto nell'abitazione di Vitinia, quartiere periferico a sud di Roma. Non è chiaro, nello specifico, se la piccola sia scivolata dal letto, sia stata gettata, sia stata colpita oppure ancora sia caduta mentre era tenuta in braccio dalla mamma. La donna è stata accompagnata all'ospedale Sant'Eugenio di Roma per le cure post parto e là è stata piantonata dai militari dell'arma che poi, una volta terminato il ricovero, l'hanno accompagnata a casa sottoponendola agli arresti domiciliari.