Un accadimento straordinario, ma non raro, quello che si è verificato all'interno del Parco Regionale dei Monti Simbruini, riserva naturalistica che sorge sul Subappennino laziale, nella provincia di Frosinone, al confine con l'Abruzzo. Le telecamere del parco regionale hanno ripreso, per la prima volta, un esemplare di orso bruno marsicano. L'animale, presente soltanto in Italia, è in via di estinzione: nel nostro Paese sono presenti non più di cinquanta esemplari.

È stato lo stesso Parco Regionale dei Monti Simbruini, su Facebook, a raccontare dell'avvistamento, con tanto di foto dell'orso. "Nei giorni scorsi – si legge sul social network – a seguito di attività di monitoraggio del personale del Parco dei Monti Simbruini è stata rilevata la presenza di un Orso Marsicano nelle faggete dell'area protetta situate al confine con la Regione Abruzzo. A partire dalle prime piste ritrovate sulla neve primaverile sono state utilizzate varie tecniche per il rilevamento dei segni di presenza della specie ed è stata ottenuta la prima ripresa di un orso effettuata dal personale del Parco dei Monti Simbruini".

Dal parco, poi, specificano come l'avvistamento dell'orso marsicano sia sicuramente un evento unico, ma non raro. "Sebbene il documento sia eccezionale di per sé, non è invece eccezionale la presenza della specie nell'area protetta, che secondo la carta d'idoneità potenziale per l'Orso Marsicano elaborata dall'Università ‘La Sapienza' di Roma per il Ministero dell'Ambiente nel 2016, risulta come una delle aree più idonee per la specie".