Tragedia sfiorata questa notte a Roma, nel quartiere di Montesacro. Un uomo con disagi psichici ha iniziato a dare fuoco agli oggetti presenti nella sua abitazione, rischiando di far estendere le fiamme all'intero appartamento e mettendo in pericolo anche gli altri residenti dello stabile in via Savio, dove l'uomo abita. Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco e gli agenti della Polizia di Stato: nonostante l'intervento, l'uomo però non ne voleva sapere di calmarsi. Si è barricato in casa, continuando a distruggere e a incendiare tutto. I pompieri hanno dovuto forzare la porta dell'abitazione per entrare, rompendola con il frullino. Ma nemmeno allora l'uomo si è calmato.

L'uomo portato in ospedale

Quando i pompieri e gli agenti sono entrati, l'uomo si è nascosto al buio in una stanza dell'abitazione. All'improvviso è sbucato alle spalle di un poliziotto, tentando di ferirlo con un coltello da cucina. Un collega dell'agente gli ha sparato al braccio per fermarlo ed evitare che colpisse. Portato in codice giallo all'ospedale al Sandro Pertini, è stato preso in cura dai medici del nosocomio e non è in pericolo di vita. Il poliziotto che ha provato ad accoltellare non è rimasto ferito. L'uomo è stato arrestato. A quanto si apprende, nell'appartamento non c'erano altre persone oltre a lui: non è chiaro se il fermato fosse in cura per i problemi psichici e se ci fosse qualcuno a occuparsi da lui. Al momento dell'aggressione, sarebbe stato da solo, tanto che per entrare agenti e pompieri hanno dovuto sfondare la porta.