Panico tra i passeggeri di un treno della metro C di Roma. La vicenda è accaduta nel primo pomeriggio di oggi, giovedì 21 novembre. Secondo le prime informazioni apprese una donna sulla quarantina a bordo di una vettura ha aperto un estintore all'altezza della stazione Torre Gaia. La passeggera era particolarmente agitata, probabilmente in stato di alterazione, secondo quanto raccontato da una persona presente, aveva prima lanciato una bottiglia di birra in vetro per poi afferrare l'estintore, normalmente a disposizione in caso di incendio a bordo, e azionarlo inutilmente.

Estintore aperto nella metro C

Il fumo contenuto all'interno dell'estintore si è sprigionato in pochi secondi nel vagone facendo scattare l'allarme tra i presenti. A supposto dei passeggeri una guardia giurata all'interno del convoglio che ha messo in sicurezza i presenti, chiedendo l'intervento delle forze dell'ordine. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Tor Bella Monaca, che l'hanno bloccata e portata via. La donna è stata denunciata per procurato allarme e interruzione di pubblico servizio.

Nessun ferito nella metro C

Grande spavento tra i presenti, che sono usciti di corsa e hanno raggiunto la banchina tossendo. Alcune persone uscite dal vagone non capendo cosa fosse successo e perché la carrozza è stata inondata dal fumo, hanno chiesto aiuto. Le immagini mostrano lo stato in cui era ridotto il treno dopo l'apertura dell'estintore: sia pavimento che sedili erano completamente ricoperti di bianco. Atac contattato da Fanpage.it ha reso noto che non ci sono stati feriti né particolari disagi alla circolazione dei treni in transito, solo spavento. La situazione è tornata in breve tempo alla normalità.