Il fumetto asiatico arriva nella Capitale con Mangasia, una mostra al Palazzo delle Esposizioni che fino al 21 gennaio ne racconterà la storia e mostrerà per la prima volta ad un pubblico diverso da quello originale una vasta selezione di opere esclusive. Un evento che porterà alla luce anche il processo creativo posto alla base della realizzazione delle storie, che partendo dalle sceneggiature e passando per schizzi e layout conduce infine alle pagine che il lettore si troverà davanti. Giorni e orari di apertura: domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10:00 alle 20:00; venerdì e sabato dalle 10:00 alle 22:30; lunedì chiuso. Costo del biglietto: 12,50 euro.

Il percorso della mostra

Presentata dal Barbican Centre di Londra in collaborazione con The next Exhibition e curata da Paul Gravett con una squadra di oltre 20 esperti, l'esposizione si prepara ad affascinare il pubblico con 281 tavole originali, 200 fumetti e 300 autori provenienti dall'Asia. Sei percorsi tematici, "Mappare Mangasia"-"Favole e folclore"-"Ricreare e rivisitare il passato"-"Storie e narratori"-"Censura e sensibilità"-"Manga multimediali", e opere provenienti da Giappone, Corea del Nord, Corea del Sud, India, Cina, Taiwan, Hong Kong, Indonesia, Malesia, Filippine e Singapore, nonché dalle scene emergenti come quelle di Buthan, Cambogia, Timor Est, Mongolia e Vietnam. Un viaggio lungo oltre due secoli di storia del fumetto, dalle prime forme rintracciabili nei libri indiani e nelle stampe giapponesi fino ai famosi webtoon, analizzando l'impatto esercitato su film, serie televisive, animazione, musica, moda, videogame e arte contemporanea. Sarà inoltre possibile incontrare alcuni tra i maggiori esperti, disegnatori, sceneggiatori, editor e traduttori di manga presenti in Italia e assistere alla rassegna "Anime – Capolavori del cinema d'animazione giapponese" realizzata da Miyazaki e Takahata, fondatori della casa di produzione Studio Ghibli, insieme ad altri grandi autori nipponici.

Come raggiungere il Palazzo delle Esposizioni

In metro, linea A fermata Repubblica, linea B fermata Cavour. In autobus, linee 64-70-71-117-170-H.