L’inviato di Striscia Moreno Morello
in foto: L’inviato di Striscia Moreno Morello

L'inviato di Striscia la Notizia Moreno Morello è stato aggredito con pugni, bastoni e lanci di sassi a Ceccano, provincia di Frosinone, dove era andato per fare nuovamente visita all'uomo che ha truffato il personale dell'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure vendendo loro mascherine che non ha mai spedito. La prima volta il truffatore ha sguainato una scimitarra minacciando l'inviato di Striscia, mentre oggi, aiutato da due parenti, ha accolto Morello e la sua troupe con pugni, bastoni e lanci di sassi.

"Sono stati momenti di panico, un operatore è caduto a terra dopo un pugno"

"Sono stati momenti di panico. Un mio operatore è finito a terra dopo un pugno e gli aggressori hanno urlato “Ti uccido!", ha raccontato l'inviato. I carabinieri della stazione locale, arrivati sul posto con cinque pattuglie, hanno messo fine all'aggressione e l'uomo, insieme ai due parenti, è stato arrestato.

Stando a quanto raccontato da Striscia la Notizia, l'uomo avrebbe truffato diverse persone, anche alcuni ragazzi a cui ha tentato di vendere uno smartphone. Le persone hanno pagato, ma la merce non è mai arrivata a destinazione. Le testimonianze sono molte e così Morello ha deciso di andare a chiedere conto delle truffe al responsabile. La prima volta, come detto, è stato accolto con minacce e una scimitarra puntata contro lui e la troupe del famoso tg satirico. Questa volta, quando Morello ha cercato di chiedergli delle altre truffe, ha aggredito la troupe e un operatore è anche finito a terra dopo un pugno.