Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È stato condannato a scontare una pena di tre anni di reclusione con rito abbreviato il 24enne che si è presentato alla festa per il diciottesimo compleanno della ex fidanzata armato di tre bottiglie molotov con l'intenzione di rovinarle il compleanno. Questa la decisione del giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Latina nei confronti del ragazzo di Priverno, che deve rispondere di detenzione e fabbricazione illegale di ordigni esplosivi. Il giovane la sera dell'accaduto, ha fatto irruzione in un ristorante di Maenza, in cui erano riuniti gli invitati e dove erano in corso i festeggiamenti con la minaccia di dare fuoco a tutto ciò che vedeva intorno a lui, terrorizzando le persone presenti all'interno del locale.

I fatti risalgono all'agosto scorso, a dare l'allarme e chiamare i carabinieri è stata la nonna del giovane, insospettita dai suoi comportamenti. Per lui il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 3 anni e 8 mesi di carcere ma il giudice dell'udienza preliminare, lo ha condannato a tre anni.