Subire un furto non è mai una bella cosa. Si tratta di un'invasione della propria sfera personale, della privazione di un qualcosa che non potremo mai più usare. Ma se un portafoglio può essere ricomprato e un bancomat rimpiazzato, diverso è il discorso per una carrozzina elettrica. Per camminare servono le gambe, ma c'è chi non può e si deve spostare in carrozzina: immaginate il disagio e la rabbia quando quell'unico oggetto che vi consente di spostarvi vi viene sottratto da persone prive di scrupoli. E questo è ciò che è successo a Latina, dove una persona affetta da disabilità è stata derubata della carrozzina elettrica che usava per spostarsi in giro per la città. Per andare a fare la spesa, per recarsi dal medico o andare a trovare parenti e amici: un atto orribile quello dei ladri, che adesso costringe una persona a non poter uscire di casa. Come se la vita non fosse stata già abbastanza dura con lei.

Qualche mese fa un furto in una onlus di Latina

A denunciare l'accaduto è stata l'Onlus Diaphorà, un'associazione di volontariato che si occupa di assistere persone con disabilità. "La scorsa notte è stata rubata la carrozzina elettrica di una persona che frequenta i nostri laboratori – hanno scritto su Facebook – L’aveva lasciata fuori l’ascensore, sul pianerottolo e questa mattina non c’era più. Con quella carrozzina si spostava in autonomia per fare la spesa e andare dal medico, ora dovrà sperare che qualcuno l’accompagni. Non so cosa stia accadendo. Il furto alla sede ci ha lasciati amareggiati, ma grazie alla solidarietà di tanti amici siamo riusciti a sollevarci in pochissimi giorni. Questo furto è ancora peggio perché si tratta davvero di un gesto infame". Già qualche tempo fa, infatti, l'associazione Diaphorà ha subito un furto all'interno dei suoi locali, dove ogni giorno le persone affette da disabilità possono andare e fare laboratori di ogni tipo. In seguito a quel triste avvenimento, hanno installato delle telecamere di videosorveglianza.