Secondo il Campidoglio la sede del Partito democratico della Magliana, Roma, era stata concessa ad un'associazione culturale, il Circolo Palmiro Togliatti, ma veniva in realtà utilizzata proprio come sezione di partito. Per questo il dipartimento Patrimonio di Roma Capitale ha deciso di riprendersi l'immobile. La concessione, formalmente scaduta nel 2014, era stata prorogata solamente per lo svolgimento di attività culturali, ma invece, sostengono dal Comune di Roma, la sede era utilizzata per attività politiche. La stessa applicazione del canone ridotto al 20% era stata riconosciuta esclusivamente al Circolo Culturale Palmiro Togliatti. All'esterno, oltre alla targa del Circolo, c'era anche quella del Partito democratico e su Facebook l'indirizzo e il numero telefonico del Circolo Pd della Magliana corrispondono a quelle del locale di via Vaiano.

"Abbiamo provveduto a rideterminare l'indennità d'uso dovuta per l'utilizzo di questi locali, calcolata questa volta al 100% del valore di mercato a partire dal giorno di accertamento formale eseguito dalla Polizia di Roma Capitale. Si passa quindi dai circa 270 euro mensili previsti dalla concessione a circa 1.360 euro con addebito dall'1 aprile 2018. E la procedura per la riacquisizione è già stata avviata. Ringrazio gli agenti del Gruppo Sicurezza Sociale ed Urbana e i dipendenti capitolini che hanno contribuito a far luce su questa vicenda, tutelando cosi' l'interesse pubblico legato al corretto utilizzo dei beni del patrimonio comunale. Le risorse capitoline devono essere gestite in modo trasparente al servizio dei cittadini. Dalle case popolari agli appartamenti di ‘Affittopoli' fino agli immobili dati in concessione per fini sociali e culturali". Così su Facebook l'assessore al Patrimonio del Campidoglio, Rosalba Castiglione.