Luca Sacchi e Anastasiya
in foto: Luca Sacchi e Anastasiya

"Sono contenta che abbiano rigettato questa richiesta di rito abbreviato e poi finalmente si comincerà questo processo. Voglio capire, voglio sapere perché mio figlio non c'è più. Inizia un percorso brutto, ma almeno capiremo il perché della morte di Luca". A parlare, ai microfoni della Vita in Diretta, è la mamma di Luca Sacchi, che ha commentato così la decisione dei giudici di non accogliere la richiesta di rito abbreviato da parte degli assassini del 24enne romano.

Per la signora Tina è fondamentale che la memoria di Luca non venga accostata a chi l'ha ucciso: "Mio figlio, la mia famiglia, non ha mai avuto niente a che fare con tribunali e con droghe. Queste persone lui non le conosceva, Del Grosso, Pirino, voglio che mio figlio venga allontanato da queste persone. Ha conosciuto Princi, lui si, ed è stata la fine della sua vita".

La vacanza con Princi e Anastasiya un anno fa

Nel corso della trasmissione è stato mostrato anche un filmato che mostra la vacanza in montagna che la famiglia Sacchi fece la scorsa estate. Mamma, papà, Luca, ma anche Giovanni Princi e la sua fidanzata. "Me lo chiese lui di fare venire anche loro, disse che così si sarebbe divertito di pià. Da quella vacanza ho cominciato a capire che c'era qualcosa che non andava. Ho visto uno sguardo strano tra Anastasiya e Princi.  Tanti giornali dicono che mio figlio con questo essere, Princi , era amico d'infanzia, ma non è vero. Lui l'ha conosciuto all'ultimo anno di liceo, non è amico di infanzia. Lo voglio ribadire. Luca non era la persona che alcuni vogliono fare vedere". Giovanni Princi e la ex fidanzata di Luca, Anastasiya, sono accusati di aver organizzato la compravendita di 15 chili di droga per 70mila euro nel corso del quale Sacchi è stato ucciso. Luca era a conoscenza di questo scambio, ma ha provato in tutti i modi a far cambiare idea ad Anastasiya.