27 Aprile 2018
15:25

L’addio alle botticelle promesso dalla Raggi è una bufala: “Non possono essere abolite”

Le botticelle, le storiche carrozze a cavallo che accompagnano i turisti in giro per Roma, non possono essere abolite, spiega il Movimento 5 Stelle. Il Comune può però decidere di spostare il servizio dalle strade del centro storico alle vie di parchi e ville della città.
A cura di Enrico Tata

Le botticelle, le storiche carrozze per i turisti trainate da cavalli, non spariranno mai da Roma. Una norma, di fatto, ne vieta l'abolizione e così la sindaca Virginia Raggi e il Movimento 5 Stelle, che avevano promesso e annunciato la loro cancellazione sia in campagna elettorale che nei primi mesi di governo della città, devono fare dietrofront. Per il momento il trasporto pubblico a trazione animale è destinato soltanto a cambiare posto: dal centro storico, probabilmente, si sposterà nelle ville e nei parchi storici della Capitale. Questo tipo di trasporto, spiegano i tecnici del Comune, "esiste nella normativa di legge, il Comune non può abolirlo. Può però individuare una serie di strade che tutelino il benessere animale ed escludere, dai percorsi, le strade che possano causare danni all'animale, come la salita del Grillo che per la pendenza è dannosa. Scegliamo le strade più idonee, nei parchi e nelle ville storiche".

A dare conferma del dietrofront sulla questione da parte del Movimento 5 Stelle è la consigliera pentastellata Simona Ficcardi, che nel corso della seduta della commissione capitolina Mobilità ha detto: "All'inizio si era detto ‘aboliamo completamente le botticelle' ma questo chiaramente non è possibile. Si è lavorato sul superamento delle licenze e poi si è cercata una soluzione sulla tutela del benessere animale. Abbiamo lavorato quindi sulla scelta dei percorsi all'interno di ville storiche e sulla individuazione delle stalle". Ha precisato il consigliere 5 stelle Roberto Di Palma: "Questa amministrazione ha sempre detto che abbiamo a cuore il benessere degli animali, quindi in linea con la normativa e per consentire alle persone di lavorare, abbiamo individuato dei percorsi idonei al benessere degli animali". L'intenzione era quella di "superare sia il concetto di botticella che di licenza, infatti pensavamo di chiudere il
valore della licenza a termine attività, ma l'avvocatura ci ha dato parere contrario".

Attacca Estella Marino, Partito democratico, ex assessore all'Ambiente della giunta guidata da Ignazio Marino: "E anche sulle Botticelle le promesse del m5s in campagna elettorale erano tutta fuffa. Faranno l'unica cosa che si può ad oggi fare nel breve periodo, portare a compimento lo spostamento delle Botticelle nelle ville storiche (la cosa più urgente perché le stalle di oggi nn sono idonee ed inoltre in un sito che ha necessità di essere riqualificato e nn può più ospitare quelle funzioni)".

A giugno 2017 l'annuncio: "Botticelle elettriche sostituiranno quelle a cavallo"

“Come promesso, questa Amministrazione avvierà l’iter per eliminare dalle strade le cosiddette botticelle trainate da cavalli per spostarle, nel rispetto delle norme vigenti, nei parchi e nelle ville della città, ambienti più salubri per gli animali e più sicuri per le persone. Ma vogliamo rassicurare: nessun vetturino perderà il lavoro, i titolari delle licenze avranno infatti la possibilità di trasformare l’attuale autorizzazione in licenze taxi”, dichiarò a giugno 2017 l’assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari. “L’obiettivo è arrivare alla totale dismissione delle botticelle a trazione animale per sostituirle con botticelle elettriche, mezzi più moderni che mantengono comunque un alto valore turistico e culturale”,  aggiunse.

Verso il ballottaggio a Roma, Raggi prenderà caffè con Michetti (ma sente anche Gualtieri)
Verso il ballottaggio a Roma, Raggi prenderà caffè con Michetti (ma sente anche Gualtieri)
Cinque anni dopo la rivoluzione a metà di Virginia Raggi: la sindaca oggi è un politico come un altro
Cinque anni dopo la rivoluzione a metà di Virginia Raggi: la sindaca oggi è un politico come un altro
Epidemia nelle bufale, la denuncia in Procura: "Dati artefatti, coinvolti Regione, Asl e camorra"
Epidemia nelle bufale, la denuncia in Procura: "Dati artefatti, coinvolti Regione, Asl e camorra"
75.353 di AntonioMusella
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni