Insulti razzisti a una delle due figlie adottive di Germana Paoletti, assessore Cinque Stelle alle Politiche Sociali del X Municipio di Roma. A raccontare l'accaduto è stata proprio la mamma, che ha pubblicato un post di denuncia su Facebook. Germana ha adottato due bambine, una dal Congo, l'altra dal Madagascar. L'episodio a Rocca di Mezzo, in provincia de L'Aquila, in Abruzzo, dove martedì scorso la famiglia era in vacanza. Erano circa le 18.30 quando una delle sue due figlie, di 13 anni, stava camminando in strada, per raggiungere i suoi amici. Secondo il racconto dell'assessore, le si è avvicinata un'auto con a bordo un uomo, che ha abbassato il finestrino e le ha gridato "Negra di me…!". La ragazzina, tornata a casa, ha raccontato tutto alla mamma. "Sono sconvolta per la gratuità, per la crudeltà dell’offesa, per la paura che alle offese verbali possano seguire quelle fisiche e non mi riferisco solo alle percosse. In Italia più di 70mila famiglie sono state fiduciose nei valori della Costitizione e in chi li dovrebbe garantire, hanno aperto i loro cuori al mondo e ora è il Paese che ci sbatte la porta in faccia, con violenza inaudita, ci ‘arruspa' per ottenere consenso".

Tantissimi i messaggi di solidarietà all'assessore, da parte di esponenti della politica e cittadini. "Un episodio grave e inqualificabile, dal quale Rocca di Mezzo condanna e prende fermamente le distanze – ha detto il sindaco Mauro Di Ciccio – La nostra comunità sa bene cosa vuol dire l'integrazione. Tuttavia si tratta di una questione che proviene dall'alto della politica, urge abbassare i toni, non è possibile una tale degenerazione culturale".