Tragedia sul lavoro a Cerveteri, in provincia di Roma, dove un operaio è morto cadendo da un ponteggio. L'episodio è successo questa mattina mercoledì 13 marzo nel Comune alle porte della Capitale. La vittima è un 55enne di nazionalità romena residente a Ladispoli, che al momento dell'accaduto stava intonacando un edificio quando, per cause non note e ancora in via d'accertamento, ha perso l'equilibrio, è scivolato da un ponteggio alto circa due metri, è precipitato nel vuoto ed è caduto al suolo. Sul posto, ricevuta la chiamata d'emergenza è intervenuto il personale sanitario in ambulanza ma per l'uomo non c'è stato purtroppo nulla da fare se non constatarne il decesso a causa delle gravi ferite e traumi riportati a seguito della caduta rovinosa che non gli hanno lasciato scampo. Inutili i soccorsi, l'uomo è deceduto dopo aver battuto violentemente la testa.

Presenti per i rilievi del caso i carabinieri della stazione locale intervenuti sul posto che hanno ricostruito la dinamica dell'accaduto e che stanno lavorando per verificare eventuali responsabilità. Le indagini saranno poi portate avanti dagli uomini dell'Arma della Compagnia di Civitavecchia. Sul posto insieme ai militari è arrivato anche il personale della Asl di Civitavecchia per svolgere alcuni accertamenti sulle condizioni in cui la vittima si trovava a lavorare per verificare eventuali trasgressioni alle norme di sicurezza previste dalla legge. La salma è stata messa a disposizione dell'autorità giudiziaria nell'eventualità che venga disposta l'autopsia. Intanto i carabinieri hanno sequestrato l'attrezzatura da lavoro che l'operaio stava utilizzando al momento in cui sono accaduti i tragici fatti.