Una comunità distrutta dal dolore. Si terranno oggi i funerali di uno dei due operai investiti mentre stavano lavorando sull'autostrada A14 Bologna – Taranto. Le salme sono rientrate nei paesi d'origine ieri tra la commozione generale: l'ultimo saluto a Antonio Pizzutelli, 38 anni, è stato dato ieri alle 16 nella chiesa di San Giovanni di Piglio. Le esequie di Salvatore Vani invece, 45 anni, si terranno oggi alle 15 nella chiesa di Fontechiari. Una tragedia, quella che ha investito la Ciociaria, che nessuno si sarebbe aspettato: e invece Antonio e Salvatore sono morti mentre stavano svolgendo il loro lavoro. Probabilmente non hanno fatto in tempo nemmeno ad accorgersi di essere in procinto di morire: l'impatto con il camion è stato così forte che sono deceduti sul colpo.

Incidente A14, Vani e Pizzutelli travolti da tir mentre lavoravano

Inutili i soccorsi giunti immediatamente sul posto per provare a salvare la vita dei due operai. L'uomo alla guida del camion che li ha investiti è adesso indagato per omicidio colposo ed è stato sottoposto agli esami di rito per accertare la presenza nel sangue di alcol e droga. I risultati non sono ancora noti. Secondo le prime testimonianze, la presenza di Pizzutelli e Vani sarebbe stata segnalata in maniera opportuna sia dai pannelli a messaggio variabile, sia da un addetto alla sicurezza che sventolava la bandierina per informare della presenza di operai. I due stavano lavorando al rifacimento del manto stradale quando il camion gli è piombato addosso. Il mezzo pesante ha rischiato di investire anche un terzo addetto, che però è riuscito a spostarsi appena in tempo. Pizzutelli e Vani, purtroppo, non ci sono riusciti. Non è ancora chiaro il motivo per cui il tir sia uscito di strada e sia entrato nel cantiere: le indagini proseguono.