Fontechiari è in lutto per i funerali di Salvatore Vani, l'operaio travolto e ucciso da un tir in corsa insieme al suo collega Antonio Pizzutelli, mentre stava lavorando in un cantiere sull'autostrada A14 Bologna-Taranto, all'altezza di Borgo Panigale. La comunità oggi pomeriggio si stringerà attorno al dolore della famiglia del 46enne morto sul colpo mentre stava predisponendo i lavori necessari al rifacimento delle segnaletica orizzontale. Le esequie saranno celebrate alle ore 15, nella chiesa parrocchiale. Il piccolo paese si raccoglierà nel silenzio e nel ricordo. L'amministrazione comunale ha reso noto che gli eventi estivi in calendario previsti saranno rinviati a data da destinarsi, per lutto cittadino. "Esprimo profondo cordoglio e sentimenti di vicinanza alla famiglia per la perdita prematura di Salvatore" è il messaggio del sindaco Pierino Liberato Serafini. In occasione dei funerali le bandiere della sede di via della Pisana del Consiglio regionale sono disposte a mezz'asta, "un segno di vicinanza e cordoglio alle famiglie dei due operai" ha detto il presidente Mauro Buschini.

Incidente sull'A14 Bologna Taranto, tir travolge e uccide due operai

I tragici fatti risalgono alla serata del 5 agosto scorso, quando Salvatore Vani e Antonio Pizzutelli, 46 e 38 anni, stavano terminando l'allestimento del cantiere e c'era un restringimento della carreggiata indicato con cartelli e segnali luminosi. Improvvisamente, un tir con a bordo un 62enne di nazionalità albanese, ha travolto il cantiere e li ha urtati in pieno. Durante la manovra, l'autista del mezzo pesante ha rischiato di investire anche un terzo operaio che, fortunatamente, è riuscito a mettersi in salvo in tempo. Per le due vittime, entrambe originarie della provincia di Frosinone, non c'è stato nulla da fare. Il 62enne alla guida è indagato per omicidio colposo.