La Presse
in foto: La Presse

Inaugurata una nuova scuola ad Amatrice, città colpita e devastata dal terremoto del 2016. Questa mattina, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha fatto visita alla provincia di Rieti per inaugurare l'istituto comprensivo ‘Romolo Capranica'. Si tratta nel dettaglio di un'area di 12mila metri quadri, che accoglie un campus asismico, la scuola materna con una piccola ludoteca, la scuola primaria, la scuola secondaria di primo grado, il liceo scientifico sportivo internazionale e la palestra. La struttura in realtà già esistente e inaugurata lo scorso settembre, ha atteso il capo dello Stato italiano per ufficializzarne la rinascita, un fervido e importante segnale di speranza, che accoglie oltre bambini delle zone colpite dal sisma. Mattarella è arrivato al campus nel corso della mattina, ha assistito al racconto di alcune testimonianze di chi vive sul posto e ha visitato la scuola. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel corso del suo intervento ha detto che è "necessario che si prosegua velocemente con la ricostruzione". Presenti all'incontro, oltre a Mattarella, il ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il sindaco di Amatrice, Antonio Fontanella, e John Elkann, in rappresentanza della Ferrari, che ha partecipato con un contributo di 7 milioni di euro. Per ricordare la donazione della Ferrari, il preside del Polo scolastico Luca Barbonetti ha proposto di intitolare l'istituto alla memoria di Sergio Marchionne, morto il 25 luglio del 2018.

Inaugurata una scuola ad Amatrice colpita dal terremoto, segnale di speranza

"L'inaugurazione del Nuovo Polo scolastico – commenta il rettore Giuseppe Novelli – è un grande risultato, frutto della lungimirante idea lanciata dal presidente Zingaretti per coinvolgere, all'indomani del sisma, gli Atenei pubblici romani nella ricostruzione della scuola e dell'ospedale di Amatrice, a supporto dell'impegno del Commissario straordinario del Governo". Ad accettare la sfida della ricostruzione è stata l'Università di Tor Vergata che ha realizzato il progetto architettonico. "Amatrice e Accumoli non saranno mai come prima, ma l'impegno rimane – ha detto il governatore della regione Lazio Nicola Ningaretti, intervenuto durante l'inaugurazione – ricostruiremo come prima e meglio di prima. Questa scuola è una conquista, è un bel simbolo dell'Italia che funziona".