In un video, mandato in onda dal telegiornale regionale della Rai e poi rilanciato sulla sua pagina Facebook da Virginia Raggi, si vedono due operatori di Ama sfamare con il contenuto di un sacchetto di scarti alimentari, due cinghiali che attendono al bordo della strada. Non è chiaro dove il filmato sia stato girato, né si conosce l'identità degli autori, ma quel che è certo è che ha mandato su tutte le furie la sindaca che ora chiede che i protagonisti vengano identificati e sanzionati dalla municipalizzata. "Questi comportamenti sono inaccettabili e ho chiesto ad Ama di verificare se si tratta di dipendenti dell'azienda ed eventualmente prendere provvedimenti nei confronti dei protagonisti di questo video. Ringrazio il Tgr Rai per averlo diffuso denunciando questi atti intollerabili. – scrive Raggi -Non può essere considerata una bravata dare da mangiare a degli animali selvatici. Soprattutto se a farlo sono degli irresponsabili che invece dovrebbero garantire la pulizia della città. Sono gesti che, se accertati, offendono i tanti lavoratori di Ama che al contrario ogni giorno operano con impegno nelle nostre strade".

Poi il paragone con altri, gravi, comportamenti registratisi dentro l'azienda: "In Ama abbiamo scoperto dipendenti che rubavano il carburante dai mezzi aziendali. Altri che gettavano l'olio esausto delle friggitorie nei tombini. Dobbiamo ripulire l'azienda da tutti i lavoratori disonesti, perché un'azienda sana non può avere al proprio interno dipendenti che rubano o fanno male il loro lavoro e così infamano il nome della società. Fanno ricadere le colpe su tutti i lavoratori onesti che sono la maggioranza. A questi ultimi va il mio sostegno e ringraziamento. Per chi non fa il proprio dovere il massimo della severità".

Individuati 5 operatori Ama coinvolti

"Gli accertamenti immediatamente svolti sul video che ritrae operatori Ama intenti a dare ad alcuni animali selvatici gli scarti alimentari contenuti all'interno di un sacchetto hanno permesso di individuare tutti gli operatori coinvolti. Si tratta dei componenti degli equipaggi di due mezzi a vasca, per complessive cinque persone, in servizio nell'area di Via di Settebagni. Ama sta attivando l'iter disciplinare nei confronti dei dipendenti identificati", così in una nota Ama che ha risposto in brevissimo tempo alle sollecitazioni della sindaca. "Sono inaccettabili e ingiustificabili comportamenti come quelli assunti dai soggetti coinvolti in questo indecoroso episodio- ha sottolineato la presidente di Ama, Luisa Melara, anche a nome dell'intero Consiglio d'Amministrazione dell'azienda- Servono serietà, rispetto per i cittadini e decoro per la Capitale d'Italia. Chi indossa la divisa Ama deve fare di questi valori la motivazione alla base del lavoro quotidiano". Annunciati provvedimenti nei loro confronti.