La Madonna delle Lacrime di Civitavecchia
in foto: La Madonna delle Lacrime di Civitavecchia

A Porta a Porta, il programma condotto da Bruno Vespa su Rai Uno, un uomo ha rivelato: "È mio il sangue sul volto della statuina della Madonna di Civitavecchia". Questo il racconto del testimone: "Arrivati a Civitavecchia abbiamo lasciato la motocicletta per andare a prendere qualcosa da mangiare e a un certo punto c'era una nicchietta con una Madonnina. Quando vedo una Madonnina faccio il segno della croce, mi bacio e tocco la madonnina. Quando l'ho toccata è colato del sangue sull'occhio della Madonnina. Avevo una piccola ferita. Ho provato a pulirla, ma ho lasciato così perché stava arrivando un signore". Probabilmente si trattava del papà di Jessica Gregori, ipotizza l'uomo, la ragazzina che vide le lacrime di sangue sulla statuetta. "La bambina forse ha visto colare il sangue perché era una cosa appena successa", ha raccontato nell'intervista rilasciata a Vittoriana Abate. La venerazione della Madonnina di Civitavecchia è ancora in corso, si legge sul sito di Porta a Porta, "ma questa sconcertante rivelazione, se confermata da successive analisi scientifiche, potrebbe aprire uno nuovo squarcio nella vicenda".

La ‘Madonna delle Lacrime' di Civitavecchia

Era il 2 febbraio 1995. Jessica Gregori vide lacrime di sangue scendere sul volto di una piccola statua di gesso raffigurante la Madonna che si trovava nel giardino di casa. La Chiesa non si è mai espressa ufficialmente sulla veridicità del miracolo.  La statua, stando a quanto si apprese, fu acquistata nel corso di un pellegrinaggio a Medjugorje nel 1994. Oggi è conservata in una teca nella parrocchia di Sant’Agostino ed è conosciuta come la “Madonna delle Lacrime”, proprio come quella di Siracusa. Le analisi degli esperti del Policlinico Gemelli e del Policlinico Umberto I chiarirono che si trattava di sangue umano maschile. Sulla vicenda indagò anche la procura di Roma, ma il caso fu archiviato. Quanto accadde a Civitavecchia rimane tuttora un mistero.