Un punto di ritrovo per giovani, dove incontrarsi e divertirsi seguendo corsi e attività ricreative. È intitolato a Marco Vannini il teatro ex centro polifunzionale in via Yvon De Begnac a Ladispoli. "Sapere che viene intitolato un teatro a Marco, in un luogo di cultura che raccoglie giovani, per noi genitori è una gioia. Marco è diventato il figlio di tutta Italia e continuerà a vivere attraverso questi ragazzi. Lui non ha potuto crescere e raggiungere i suoi traguardi, avere la sua vita, perché è stato ucciso". Queste le parole di mamma Marina. "Vedere che a distanza di anni così tanta gente in movimento per nostro figlio è una forza per noi genitori e allo stesso tempo ci conforta il fatto che Marco non verrà mai dimenticato, anche grazie ad iniziative come l'intitolazione di questo teatro".

Mantenere vivo il ricordo di Marco Vannini

Alla cerimonia in programma per oggi, lunedì 16 settembre, hanno partecipato in tantissimi, residenti e non, per sostenere l'idea dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Alessandro Grando. "Un'iniziativa per mantenere vivo il ricordo di Marco e testimoniare l’affetto della città nei confronti dei suoi cari, ai quali la nostra comunità non ha mai fatto mancare vicinanza e sostegno nella battaglia per ottenere quella giustizia e quella verità che ancora oggi tutti chiediamo a gran voce” ha detto il sindaco di Ladispoli.

Marina e Valerio alla cerimonia dell’intitolazione del teatro di Ladispoli a Marco Vannini
in foto: Marina e Valerio alla cerimonia dell’intitolazione del teatro di Ladispoli a Marco Vannini

Inaugurato il teatro Marco Vannini

La data dell'inaugurazione era stata fissata alcuni giorni fa, dopo che la Giunta comunale ha approvato la delibera, decisione presa con il consenso dei genitori di Marco, che hanno visitato la struttura, ascoltato il progetto e accolto la proposta. Il Teatro Marco Vannini, da quest’anno, sarà dedicato esclusivamente ad attività musicali, teatrali e culturali in genere e, su richiesta specifica, sarà a disposizione di tutte le scuole di Ladispoli per attività didattiche, saggi e manifestazioni. L'amministrazione comunale ha fatto ricadere la scelta dell'intitolazione su questo luogo perché frequentato soprattutto da giovani, proprio come Marco.

Marco Vannini ucciso con un colpo di pistola

Trascorsi quattro anni dall'omicidio del giovane 20enne di Cerveteri ucciso da un colpo di pistola sparato nella villetta dei genitori della fidanzata in via Alcide De Gasperi, Ladispoli non ha dimenticato, e i cittadini, rinnovando la loro richiesta di giustizia, hanno colto l'occasione dell'evento per dimostrare la loro vicinanza ai genitori di Marco, Marina e Valerio.

Articolo a cura di Alessia Rabbai e Simona Berterame