Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Non ha retto alla morte del compagno, avvenuta qualche giorno fa a causa di un infarto. E così, a soli 32 anni, Federica Quattrociocchi si è tolta la vita: ha acceso un braciere e ha lasciato che il monossido di carbonio la uccidesse. Accanto al corpo, i genitori e i soccorritori hanno trovato un bigliettino in cui spiegava il suo gesto: non ce la faceva a vivere senza il suo amore, e il suo unico desiderio era quello di raggiungerlo. Una scelta straziante, che ha lasciato senza fiato amici e familiari che solo qualche giorno prima avevano dovuto affrontare la tragedia della morte del compagno di Federica. Purtroppo la 32enne non ha retto alla perdita dell'amore della sua vita e ha preferito terminare prematuramente la sua esistenza: a nulla sono valsi i tentativi dei medici dell'ospedale, che hanno tentato per ore di salvarle la vita. Alla fine Federica si è spenta. I funerali si terranno domani alle 14.30 nella chiesa di San Nicola a Guarcino.

Morta Federica Quattrociocchi, disperati parenti e amici

Federica Quattrociocchi lavorava come medico all'ospedale Santa Scolastica di Cassino, dove operava anche il compagno. Era molto amata dai pazienti e stimata da amici e colleghi, increduli per il suo gesto disperato. A trovarla è stato il padre: invano i familiari stavano provando a contattarla, e quando hanno visto che non rispondeva alle loro chiamate hanno deciso di andare a casa sua per vedere cosa fosse successo. E lì hanno fatto la più terribile delle scoperte: Federica era nella sua abitazione, in fin di vita. Trasportata all'ospedale dai familiari, è morta qualche ora dopo al nosocomio di Alatri. Una tragedia terribile, che nessuno si sarebbe mai aspettato ma che invece è purtroppo accaduta.