Estate finita? Il divertimento continua
18 Ottobre 2017
10:57

Gigi Proietti con “Cavalli di battaglia” al Parco della Musica dal 21 al 27 ottobre

Attore, regista, doppiatore, comico, cantante, insegnante… Gigi Proietti è un vero artista poliedrico, in grado di spaziare con estrema naturalezza attraverso le diverse forme artistiche. Non lasciatevi sfuggire l’occasione di assistere dal vivo ad uno dei suoi spettacoli più riusciti “Cavalli di battaglia”, in scena all’Auditorium Parco della Musica il 21-22-25-27 ottobre.
A cura di Matilde De Bisogno
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Estate finita? Il divertimento continua

Gigi Proietti torna sul palco dell'Auditorium Parco della Musica con il suo spettacolo-record (23 repliche sempre sold out) "Cavalli di battaglia". Un viaggio nel repertorio dello straordinario artista, che va dal popolare al drammaturgico, dal mimico al canoro, dal parodistico al poetico, dal comico al filantropico. Un mix di generi che da sempre caratterizzano le sue performance e che rappresentano il tratto distintivo del suo grande successo. Ad accompagnarlo in scena ci saranno un'orchestra di 25 elementi diretti da Mario Vicari, un corpo di ballo, gli attori Marco Simeoli e Claudio Pallottini, e le due figlie dell'artista Susanna e Carlotta, che sorprenderanno gli spettatori con la loro voce e i loro perfetti tempi comici. Biglietti a partire da 40 euro + diritti di prevendita. Orari degli spettacoli: 21-25-27 ottobre ore 21:00; 22 ottobre ore 19:30. Per prenotazioni e maggiori informazioni, visitate il sito ufficiale.

Pillole di un'eccezionale carriera

Proietti debutta a teatro nel 1964 travestito da upupa nello spettacolo "Gli uccelli" di Aristofane diretto da Giuseppe Di Martino. Al cinema invece già nove anni prima viene scritturato come comparsa nel film "Il nostro campione" di Vittorio Duse. Tinto Brass è il primo regista a valorizzarlo con un ruolo da protagonista nel 1968 con "L'urlo", presentato in concorso al Festival di Cannes. In televisione esordisce nello sceneggiato "I grandi camaleonti" di Edmo Fenoglio. Nel 1976 stringe un proficuo sodalizio con lo scrittore Roberto Lerici, insieme al quale dà vita ad alcuni dei suoi spettacoli rimasti nella storia: "A me gli occhi, please", "Come mi piace", "Leggero leggero" e, per la televisione, "Attore, amore mio" e "Io, a modo mio".  Nel 1992 ottiene un consistente successo con le serie televisive "Un figlio a metà", bissato dal seguito "Un figlio a metà – Un anno dopo" e la sitcom "Italian Restaurant". Nel 1996 arriva il trionfo inaspettato de "Il maresciallo Rocca", ben cinque stagioni più una miniserie conclusiva che frutteranno all'attore l'Oscar Tv come personaggio maschile nel 2008. Sempre in Rai, interpreta nel 2010 San Filippo Neri nella fiction "Preferisco il Paradiso", l'anno successivo è il turno de "Il signore della truffa", nel 2013 è "L'ultimo papa re", nel 2014 è un giornalista investigativo nella serie "Una pallottola nel cuore". Dal 2003 è direttore del Globe Theatre di Roma.

Come raggiungere l'Auditorium Parco della Musica

  • In autobus, linee 910-53-982-168.
  • In tram, linea 2.
  • In metro, linea A fermata Flaminio.
  • Per chi si sposta in auto, presso l'Auditorium c'è ampia possibilità di parcheggio e posti riservati ai disabili.
104 contenuti su questa storia
Riccione, lo stabilimento balneare aperto anche d'inverno: "Ecco quanto costa"
Riccione, lo stabilimento balneare aperto anche d'inverno: "Ecco quanto costa"
381.142 di Leila Ben Salah
Jack Kerouac fu anche pittore: in mostra l’altro volto del padre della Beat Generation
Jack Kerouac fu anche pittore: in mostra l’altro volto del padre della Beat Generation
A Milano torna Bookcity: tanti gli eventi dedicati al libro, con Marc Augé e Umberto Eco
A Milano torna Bookcity: tanti gli eventi dedicati al libro, con Marc Augé e Umberto Eco
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni