Ponza – crollo Chiaia di Luna
in foto: Ponza – crollo Chiaia di Luna

Frana a Ponza, crolla un costone della falesia sulla spiaggia di Chiaia di Luna, intorno alle 10 di questa mattina. In zona si trovavano tre turisti, nonostante l'accesso via terra sia interdetto. Sono salvi per miracolo. La spiaggia, la più famosa dell'isola, è chiusa da anni proprio per il pericolo di crolli. Nonostante le reti di protezioni e le recinzioni, via mare è possibile approdare sulla spiaggia. La frana, di modesta entità secondo la Guardia Costiera, ha riguardato una caduta di materiali calcarei e tufacei che hanno provocato una densa nuvola di polvere.

La spiaggia di Chiaia di Luna, una delle più belle del Lazio, è chiusa da anni proprio a causa del pericolo crolli. Nel 2001 la studentessa toscana Alessandra Pioli, 26 anni, stava prendendo il sole sulla spiaggia quando è stata colpita e uccisa da alcuni massi franati dalla montagna. Da allora la spiaggia di Chiaia di Luna è stata chiusa al pubblico proprio per evitare il ripetersi di una tragedia come quella. Si legge su Wikipedia: "Meta molto popolare per i visitatori è una piccola spiaggia denominata "Chiaia di Luna", che è esposta ad occidente e protetta dai venti da una parete di tufo bianco molto elevata. La baia è accessibile solo via mare o tramite un tunnel di epoca romana. Attualmente la spiaggia è interdetta sia via terra sia via mare, a seguito del decesso di una giovane bagnante, avvenuto nell'estate del 2001. Anticamente in questa spiaggia era ubicato un porto greco; ancora oggi nei fondali limitrofi non è infrequente rinvenire resti di antiche costruzioni o frammenti di anfore".