Tra le 18 e le 19 la terra ha tremato per ben due volte. Era da stanotte che lievi scosse di terremoto si alternavano tra Balsonaro e Pescosolido, diventate poi gli epicentri del sisma che si è verificato questa sera. La paura più forte è serpeggiata chiaramente ad Amatrice e nelle zone che negli anni passati sono state devastate dai terremoti. Alcuni residenti di quei comuni, memori di quanto accaduto nell'agosto 2016, hanno avuto per un attimo il timore che l'incubo potesse ripetersi ancora una volta. Fortunatamente non sembra che si siano verificati danni a persone o strutture. Secondo quanto riportato dai Vigili del Fuoco, le centrali operative presenti sul territorio nazionale hanno ricevuto solo chiamate di cittadini spaventati e nessuna segnalazione di situazioni pericolose.

Scossa di terremoto con epicentro L'Aquila, avvertita anche a Roma

Anche secondo quanto riportato dalla Protezione Civile non ci sarebbe nessun danno. La prima scossa si è avuta alle 18.35: l'epicentro, profondo 14 chilometri, c'è stato a Balsonaro, in provincia de L'Aquila. La scossa è stata abbastanza forte, con magnitudo 4.4, tanto che è stata avvertita fino a Roma e Napoli. Il secondo ha avuto epicentro a Pescosolido, con una magnitudo di 2.2. Si è trattato di un sisma molto leggero, anche se le persone si sono spaventate e sono scese in strada timorose di nuove scosse. L'Ingv ha spiegato di fare attenzione ad eventuali nuovi scosse che potrebbero avere un'intensità maggiore rispetto alle precedenti.

Scosse nella notte tra Balsonaro e Pescosolido

Già nella notte si erano verificate diverse scosse – tutte di bassa intensità – tra Balsonaro e Pescosolido. Stasera, il terremoto più forte, che fortunatamente non avrebbe fatto danni.