218 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Giugno 2020
7:51

Focolaio San Raffaele Pisana: la Procura di Roma indaga per epidemia e omicidio colposi

Epidemia e omicidio colposi sono i due capi d’imputazione nell’inchiesta sul focolaio di coronavirus divampato all’interno dell’Irccs San Raffaele Pisana, ad oggi chiuso, ma che conta 119 contagi e 6 decessi correlati, l’ultimo risale a ieri, con un infermiere segnalato nella Asl Roma 1. Al momento non ci sono nomi iscritti nel registro degli indagati.
A cura di Alessia Rabbai
218 CONDIVISIONI
IRCCS San Raffaele Pisana
IRCCS San Raffaele Pisana
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nell'inchiesta sul focolaio dell'Irccs San Raffaele Pisana di Roma, la Procura di Roma indaga per epidemia e omicidio colposi. Questi i campi d'imputazione per i contagi di coronavirus, ma al momento non compare alcun nome iscritto nel registro degli indagati. Nella struttura, aggiornato a ieri, il numero dei positivi del cluster che risulta ormai chiuso, si attesta su 119, tra ospiti, personale sanitario e famigliari, mentre rimane invariato a 6 quello dei decessi correlati. Come riporta Il Messaggero, gli inquirenti propenderanno per l'uno o per l'altro reato, a seconda degli elementi che emergeranno in sede di indagine. Sotto la lente d'ingrandimento le procedure messe in atto all'interno della struttura, i carabinieri del Nas, con a capo Maurizio Santori, coordinati dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia, dovranno verificare se siano state rispettate le norme anti-contagio previste per evitare il diffondersi dell'epidemia e accertare come il virus sia riuscito a fare breccia nella struttura. L'ipotesi al momento è che l'abbia portato un paziente arrivato da un altra struttura, risultato negativo al tampone.

Il focolaio dell'Irccs San Raffaele Pisana registra 119 contagi e 6 decessi

Il cluster dell'Irccs San Raffaele Pisana registra 119 contagi e 6 decessi, l'ultimo, quello di un infermiere segnalato dalla Asl Roma 1. Nel Lazio ieri sono stati 8 i nuovi positivi, due riconducibili al focolaio dell'Istituto Teresianum di Piazza San Pancrazio, sottoposto ad indagine epidemiologica, dove una suora e un giardiniere sono risultati positivi al tampone e sono in corso gli accertamenti su membri interni ella struttura e contatti esterni. Nella Asl Roma 4 i due casi positivi sono stati individuati in sede di pre-ospedalizzazione e una persona risultata positiva agli esami svolti al drive-in disposto all'ospedale San Giovanni Addolorata, dopo ben 620mila tamponi svolti. Un caso positivo ricoverato presso il policlinico Umberto I è una persona proveniente dal Bangladesh, che aveva manifestato sintomi già prima della partenza.

218 CONDIVISIONI
32138 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni