Esterino Montino, sindaco di Fiumicino
in foto: Esterino Montino, sindaco di Fiumicino

No ai rifiuti di Roma a Pizzo del Prete. Il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino ha ribadito la sua contrarietà a qualsiasi ipotesi di conferimento nell'area compresa tra Cerveteri e Fiumicino. Il sito è una delle 7 zone individuate dalla Città metropolitana, ritenute idonee ad ospitare discariche o impianti di smaltimento. Ieri i tecnici dell'ex provincia hanno mandato una mappa delle aree definite ‘bianche' ossia prive di vincoli, al Ministero dell'Ambiente e alla Regione Lazio, in attesa di un riscontro. Ma in realtà, come sottolineano i sindaci del territorio, i vincoli ci sono eccome.

Mappa di Pizzo del Prete
in foto: Mappa di Pizzo del Prete

Sindaco Montino, cos'è Pizzo del Prete?

Pizzo del Prete è una grande valle che si trova spaccata in due tra i Comuni di Fiumicino e Cerveteri. I tecnici della Città metropolitana l'hanno individuata come area bianca, in realtà non lo è: i vincoli ci sono eccome, sia di natura paesaggistica che archeologica, come ci ha confermato anche la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Etruria Meridionale. Il territorio è ricco di reperti, perché ai margini tra l'area etrusca e l'area romana, distante pochi chilometri in linea d'aria dalla Necropoli della Banditaccia. Non si possono chiaramente disporre né discariche né impianti.

Come vi siete mossi voi sindaci?

Insieme al sindaco Pascucci, abbiamo fatto ricorso alla comunicazione formale ricevuta due anni fa, che ci informava della cosa e abbiamo chiesto formalmente con delibera di consiglio comunale la predisposizione di una modifica del piano d'assetto della Città metropolitana, cosa che non è stata mai recepita. L'altro giorno siamo venuti a conoscenza senza essere stati informati formalmente che la Città metropolitana ha rinviato alla Regione l'elenco delle aree suscettibili a essere trasformate, dove dentro è presente ancora quest'area.

Cosa intende fare in caso di parere favorevole della Regione?

Ci auspichiamo intanto che non ci sia parere positivo da parte della Regione e vengano prese in esame le osservazioni puntuali fatte in passato. Tuttavia, nel caso si pensi di procede. Come sindaci, noi faremo tutto ciò che è in nostro potere per impedire uno scempio territoriale.

Come va la raccolta dei rifiuti a Fiumicino?

Abbiamo superato  l'80 per cento del rifiuto differenziato, Fiumicino è un Comune che è stato anche premiato da Legambiente come ‘Comune Riciclone", con tariffa tari tra le più basse, bloccata da 4 anni. L'attività del Porta a Porta svolta correttamente e un comportamento virtuoso e responsabile nei confronti dei rifiuti ci ha portato a questo risultato, che si può sempre migliorare. Infatti Il Comune di Fiumicino si trova ogni anno a fronteggiare l'aumento dei rifiuti con l'arrivo dell'estate e il conseguente affollamento delle spiagge.

Cosa ne pensa della gestione dei rifiuti di Roma Capitale?

Una linea populista legata alla campagna elettorale senza nessuna capacità di governo e senza decisione di governo è controproducente. L'amministrazione pentastellata sta inciampando su alcuni importanti servizi come rifiuti, trasporti, pulizia, manutenzione del verde, alla fine arriviamo  a una Capitale irriconoscibile. Roma non è patrimonio dell'amministrazione di Roma ma mondiale, di tutti. Per un comune come il nostro che ha raggiunto tali obiettivi sui rifiuti e continua a lavorare ogni giorno non credo opportuno e accettabile ospitare qualsiasi intervento che preveda l'accoglienza di discariche o impianti nel territorio dell'area metropolitana.