Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un incidente mortale è avvenuto nella tarda mattinata di oggi – lunedì 23 marzo – sulla ferrovia urbana Roma-Viterbo, all'altezza della stazione di Castelnuovo di Porto, comune a nord della capitale. Il corpo senza vita di un uomo è stato rinvenuto al lato dei binari, sbalzato dall'impatto sulla massicciata: i soccorsi sanitari del 118 giunti sul posto non hanno potuto purtroppo fare altro che constatarne il decesso.

Aperta un'inchiesta sull'incidente ferroviario

Sull'episodio è stata aperta un'inchiesta e gli investigatori, che hanno ricostruito l'identità della vittima, un uomo di 69 anni di cui ancora non sono però note le generalità, dovranno stabilire ora se sia trattato di un incidente o di un gesto volontario. La famiglia dell'uomo è stata informata e la salma, al termine dei rilievi del caso, trasferita in obitorio in attesa di essere sottoposta ad autopsia su disposizione del magistrato di turno: un esame di routine in questo casi per stabilire con certezza la causa della morte. Le forze dell'ordine hanno raccolto anche le prime dichiarazioni del macchinista del treno, non è riuscito a fare nulla per impedire l'impatto mortale.

Investito Roma-Viterbo: le modifiche alla circolazione ferroviaria

Inevitabili le ripercussioni al transito dei treni: la circolazione ferroviaria è stata interrotta in quel tratto specifico, il servizio è stato però garantito dalla stazione di Riano a seguire, in direzione Viterbo, e da quella di Castelnuovo di Porto a seguire, in direzione Roma.