Divieto di accendere fuochi in spiaggia a Ferragosto in diverse località del Lazio, in provincia di Roma e nel Lazio. Il provvedimento in occasione dei festeggiamenti del 15 agosto, con in programma eventi, spettacoli pirotecnici e concerti. Vietato fare falò sul litorale della provincia di Roma, ad Anzio e Nettuno, e sul litorale della provincia di Latina, dove non si possono fare fuochi né bagni al mare. Regole che vanno rispettate, i controlli per l'occasione saranno intensificati. Si tratta di una misura di sicurezza, considerato anche il mare mosso, per evitare che, complice il buio della notte, possa rischiare di annegare qualcuno.

Divieto di fare falò a Gaeta

L'obiettivo del primo cittadino è evitare feste sulla spiaggia, dal momento che in passato si sono verificati, durante i party di ferragosto sulla spiaggia, malori tra i partecipanti. Negli scorsi anni, secondo quanto si legge nel testo dell'ordinanza, "si sono svolte manifestazioni danzanti, bivacchi ed accensioni di fuochi e falò, organizzati autonomamente dai partecipanti senza preavviso alcuno alle autorità locali e privi pertanto di qualsiasi tipo dì autorizzazione da parte degli enti competenti". In più, "durante suddette manifestazioni si sono verificati casi di malori, per abusi di alcool o sostanze stupefacenti e che, come sopra descritto, i soccorsi risultano difficili sia per ciò che riguarda le comunicazioni telefoniche, sia per l'impossibilità di intervento celere dei mezzi di soccorso causato da traffico caotico e parcheggio selvaggio, sia per il buio più totale che impedisce la pronta visione della criticità sugli arenili stessi".