I mondiali di nuoto Roma 2009 al Foro Italico
in foto: I mondiali di nuoto Roma 2009 al Foro Italico

Roma è ufficialmente candidata ad ospitare gli Europei di nuoto del 2022. Così ha deciso la Ligue Europeenne de Natation (Len), che ha accettato la candidatura della capitale italiana. Per vincere dovrà battere Russia e Germania. "La candidatura- sostenuta da Governo, Regione Lazio e Comune di Roma Capitale con cui sono stati condivisi progetti e ipotesi di fattibilità- nasce con obiettivi plurimi: riportare in Italia una manifestazione internazionale, rispondendo alla richiesta degli oltre 5 milioni di praticanti dopo il successo dei mondiali 2009 promuovere ulteriormente le discipline natatorie, coinvolgendo i migliori atleti Europei capaci di conquistare il 42% delle medaglie mondiali assegnate all'ultima edizione iridata, a Gwangju 2019; alimentare la cultura dell'acqua e la prevenzione di incidenti per sommersione e annegamenti", si legge in un comunicato della Federnuoto.

Se Roma vincesse, sarebbe la terza volta per gli Europei di nuoto in Italia. Si sono tenuti, infatti, a Bologna nel 1927, a Torino nel 1954 e proprio a Roma nel 1983. La Capitale ha ospitato anche i Mondiali di nuoto del 1994 e del 2009 e medaglie per discipline natatorie sono state assegnate anche, ovviamente, alle Olimpiadi di Roma 1960.

Il Foro Italico ospiterà le gare di Roma 2022

Adesso la procedura della Len prevede una serie di visite in loco per esaminare gli impianti e i progetti dal vivo. La sede della maggiorparte delle gare sarà lo stadio del nuoto al Foro Italico, ma saranno coinvolti anche i centri federali di Pietralata, per gli allenamenti, e Ostia, per il nuoto di Fondo, e il polo di Valco San Paolo, in via di riqualificazione. Non è prevista la costruzione di nuovi impianti.