Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Una litigata furiosa, l'ennesima, probabilmente, con il marito. È uscita di casa con i suoi due figli, si è procurata alcune taniche di combustibile, è tornata dal marito, lo ha cosparso di benzina e gli ha dato fuoco. Non è stato un incendio improvviso provocato forse da una fuga di gas, come si riteneva in seguito alle prime indagini, a far esplodere una palazzina del quartiere di Campomoro a Rieti, ma un omicidio a sangue freddo. La vittima è un uomo di 44 anni, mentre sua moglie è stata fermata e al momento la sua camera all'ospedale Sant'Eugenio di Roma è sorvegliata dalla polizia. Anche lei ha riportato gravi ustioni su tutto il corpo in seguito all'esplosione, ma non sarebbe in pericolo di vita.

La donna avrebbe cosparso il marito di benzina

Secondo le ricostruzioni degli investigatori, la vittima avrebbe chiamato, intorno alle 22 di ieri, il 113 per segnalare che sua moglie si era allontanata di casa portando con lei i due figli. La donna invece, come detto, si sarebbe procurata alcune taniche di benzina, sarebbe tornata a casa e avrebbe cosparso il marito di combustibile. Le urla di quest'ultimo avrebbero svegliato i vicini e quest'ultimi avrebbero immediatamente chiamato i soccorsi, ma per il 44enne non c'è stato niente da fare.

L'appartamento esploso in via Dionigi a Rieti

L'appartamento andato a fuoco si trova in via Dionigi, quartiere Campomoro di Rieti. I fatti, come detto, risalgono alla serata di ieri, lunedì 25 novembre. Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco, che credevano di dover spegnere un incendio provocato da una improvvisa fuga di gas, magari da una bombola della cucina. All'interno dell'appartamento hanno trovato l'uomo morto e la donna gravemente ustionata.