Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Rifornivano di droga Roma e provincia, attraverso una rete ben intessuta sul territorio. Blitz all'alba nella Capitale e nell'Area Metropolitana, dove i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Roma hanno arrestato sedici persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, aggravata dall'uso di armi. Oggi i militari hanno dato esecuzione alle misure di custodia cautelare emesse dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia. I carabinieri hanno fatto irruzione all'interno delle loro abitazioni inaspettatamente, con l'aiuto delle unità cinofile antidroga e antiesplosivo.

Sedici arresti per droga a Roma

A finire sotto la lente d'ingrandimento degli investigatori sedici persone, finite in manette e ora a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Le indagini hanno portato alla luce una vera e propria organizzazione criminale che riforniva di droga il Trullo, Montespaccato, Monteverde e Pomezia. Una rete di spaccio e traffico al vertice della quale c'era un un cittadino italiano, che si occupava di cocaina, hashish e marijuana. Un mercato che non riguardava solo i quartieri romani che che era uscito al di fuori dalla Capitale, con un'espansione anche nell'area di Pomezia, sul litorale sud di Roma. L'obiettivo della banda di narcotrafficanti era quello di estendersi a un territorio più vasto possibile, implementando il numero clienti ed introiti.