5 Novembre 2018
11:27

Dopo la mareggiata il golfo di Gaeta è invaso di orate e spigole, la pesca è “miracolosa”

I pesci sono “fuggiti” dalle gabbie degli allevamenti ittici nel golfo, riversandosi così in mare aperto in centinaia di migliaia, grazie ai danni provocati dal maltempo. Un danno milionario per le aziende. I pesci sono stati spinti verso riva dalle forti mareggiate facendo così la felicità dei pescatori.
A cura di Redazione Roma
Il Golfo di Gaeta Wikipedia
Il Golfo di Gaeta Wikipedia

Il golfo di Gaeta (Latina) è invaso da orate, migliaia di pesci fuoriusciti dalle gabbie degli allevamenti in mare, rotte dall'ondata di maltempo degli scorsi giorni. Difficile una stima complessiva dei pesci "fuggiti", ma si parla di almeno 200.000 orate e spigole che si sono riversate in mare aperto e, spinte a riva dalle onde e dalle mareggiate, si possono pescare comodamente da riva.

Un danno di grandi proporzioni per gli allevamenti, costretti a far fronte a perdite stimate in centinaia di migliaia di euro, ma una manna dal cielo per i pescatori che, lanciando la lenza da riva, tirano su pesci con una facilità mai vista prima. Una pesca "miracolosa" che va sommata in realtà agli ingenti danni provocati dal maltempo su tutta la litoranea pontina.

I delfini tornano a nuotare nel Golfo di Napoli
I delfini tornano a nuotare nel Golfo di Napoli
Covid Lazio, il 18 luglio 3708 casi e 14 morti: 1962 contagi a Roma
Covid Lazio, il 18 luglio 3708 casi e 14 morti: 1962 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di oggi 25 luglio: 2.316 nuovi casi, 16 morti e 1.323 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di oggi 25 luglio: 2.316 nuovi casi, 16 morti e 1.323 contagi a Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni