Desirée Mariottini e Giorgia Meloni (La Presse)
in foto: Desirée Mariottini e Giorgia Meloni (La Presse)

"Penso sia doveroso dedicare il prossimo 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, a Desirée Mariottini, brutalmente violentata e uccisa da criminali senza scrupoli" lo ha detto Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia che su Facebook ha lanciato la proposta in occasione della ricorrenza che cade ogni anno in ricordo di tutte le donne uccise o ferite dalla violenza di genere. "Per lei e per tutte le vittime, Fratelli d'Italia rinnova la sua battaglia per informare e sensibilizzare l'opinione pubblica su di un fenomeno gravissimo e speriamo che il nostro appello venga accolto da tutti. Diamo voce alle vittime di abusi".

La 16enne drogata, stuprata e uccisa è stata trovata senza vita all'interno di uno stabile abbandonato nel quartiere di San Lorenzo. Episodio terribile, ma uno dei tanti in cui vittime sono le donne. Per l'omicidio della giovane sono state fermate cinque persone: nei confronti di quattro di loro, la Procura di Roma ha avanzato l'ipotesi di omicidio volontario e violenza sessuale di gruppo mentre la quinta, è ritenuta responsabile di aver venduto gli psicofarmaci che hanno stordito Desirée.

Il Tribunale del Riesame ha confermato l'accusa di omicidio solo a uno degli arrestatiMamadou Gara, nei confronti del quale è caduta però l'accusa di abuso di gruppo mentre resta quella di violenza sessuale singola. Per due degli arrestati, i nordafricani Chima Alinno e Brian Minthe, non è stata riconosciuta l'accusa di omicidio avanzata dalla procura.