Francesco Vaia, Istituto Spallanzani
in foto: Francesco Vaia, Istituto Spallanzani

I pazienti positivi al coronavirus ricoverati nell'Istituto nazionale di Malattie Infettive sono 212. Tra questi, 24 si trovano in terapia intensiva e necessitano di supporto respiratorio. Questi i dati diffusi dal bollettino dell'ospedale Spallanzani di oggi, domenica 29 marzo. Per quanto riguarda i ricoveri, si tratta di due persone in più rispetto a ieri, mentre si è passati da 25 a 24 pazienti che necessitano di supporto respiratorio, uno in meno. Sono 147 le persone sintomatiche o poco sintomatiche trasferite presso la propria abitazione o strutture adibite a sorveglianza e isolamento, come la città militare della Cecchignola. In giornata sono previste altre dimissioni. L'Istituto nazionale di Malattie Infettive ha reso noto che "è in atto un programma di monitoraggio della popolazione di Nerola, dov'è in corso un focolaio di Covid-19". Un progetto che, fanno sapere dal centro, in collaborazion e con l'Ordine dei medici di Roma e Confcooperative, in accordo con la Asl Roma5.

Nel Lazio 210 nuovi contagi da coronavirus, solo 38 in più

Ieri nel Lazio i nuovi contagi registrati sono stati 210, solo 38 in più rispetto al giorno precedente. Una notizia che fa ben sperare e che conferma come da due giorni il trend di crescita sia inferiore al 10 per cento. Attualmente sono 2181 i pazienti positivi nel Lazio, tra questi 1063 si trovano in isolamento domiciliare, 985 sono sono ricoverati non in terapia intensiva, 133 sono ricoverati in terapia intensiva. I pazienti deceduti sono 124 e i guariti sono 200. I casi totali, compresi morti e dimessi, sono 2505. Particolare attenzione è rivolta alle case di riposo di Frosinone e Rieti, dove sono stati registrati 88 casi.