1.309 CONDIVISIONI
Covid 19
2 Marzo 2020
12:45

Positivo al Coronavirus un vigile del fuoco a Capannelle

Un vigile del fuoco è risultato positivo al coronavirus. Si tratta di un giovane allievo dell’87 Corso, proveniente da Piacenza. Il pompiere attualmente si trova in sorveglianza sanitaria presso la caserma dei vigili del fuoco di Capannelle. Sono sette i pazienti al momento ricoverati all’ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma.
A cura di Alessia Rabbai
1.309 CONDIVISIONI
Foto Usb vigili del fuoco
Foto Usb vigili del fuoco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un vigile del fuoco è risultato positivo al nuovo coronavirus CoVid-19. Sono i risultati dei test ai quali il paziente è stato sottoposto. Si tratta di un giovane allievo dell'87 Corso, proveniente da Piacenza. Il pompiere attualmente si trova in sorveglianza sanitaria presso la caserma dei vigili del fuoco di Capannelle. È quanto comunica il bollettino odierno dello Spallanzani. "Sono state attivate, insieme al Comando dei vigili del fuoco, tutte le misure di sicurezza e di sorveglianza previste dalle attuali procedure" fanno sapere dall'ospedale.

Coronavirus, Usb: "Chi soccorre i vigili del fuoco?"

Un allievo vigile del fuoco della Scuola centrale antincendi di Capannelle è risultato positivo al test per il CoVid-19 – dichiara in una nota il sindacato Usb dei Vigili del Fuoco – Si tratta di uno dei 650 allievi dell'87° corso, proveniente da Piacenza, attualmente in sorveglianza sanitaria nella caserma dei vigili del fuoco di Capannelle. Il ragazzo è compagno di corso di un altro allievo positivo ai test a Terni, che aveva lasciato Capannelle il 21 febbraio e non vi era più tornato. Il caso umbro aveva indotto ieri i medici dello Spallanzani a effettuare verifiche nella Scuola centrale antincendi, per controllare i 152 allievi rimasti nella struttura (nel fine settimana tutti hanno la possibilità di tornare alle loro case) perché provenienti dalle regioni interessate dal coronavirus. Di qui la nuova positività riscontrata.
Come conseguenza, per i 152 allievi è stata decisa la sorveglianza sanitaria domiciliare per 14 giorni, a decorrere dal 21 febbraio e fino al 6 marzo, mentre altri quattro sono in isolamento con sorveglianza attiva nella scuola.
Questi i fatti, di fronte ai quali i dirigenti del Corpo nazionale Vigili del Fuoco non sapendo cosa fare hanno pensato bene di trasformare l’intero, enorme complesso di Capannelle in un luogo di quarantena". Secondo quanto riportato dal sindacato, le disposizioni sarebbero state poco chiare, tanto che la situazione " sta sfuggendo di mano. Cosa dobbiamo attenderci? I positivi al virus verranno infine trasferiti in strutture ospedaliere oppure, come sta accadendo, resteranno tra la palazzina C e la palazzina Nanni, assistiti da personale del Corpo nazionale bardato con le tute NBCR e chi si è visto si e visto? Il rischio contagio è reale e oggettivo, visto che gli allievi di fatto risiedono a Capannelle e che alcuni di loro si spostano anche nella struttura di Fara Sabina, a Montelibretti. Il dipartimento continua a minimizzare. Chi soccorrerà i vigili del fuoco?".

Positiva al coronavirus la famiglia del poliziotto

A seguito degli accertamenti svolti sul suo nucleo famigliare del poliziotto di Spinaceto, caso accertato, sono risultati positivi ai test anche la moglie, i due figli e la cognata e si trovano in osservazione domiciliare. In via precauzionale il liceo Blaise Pascal di Pomezia frequentato da uno dei due figli dell'agente è stato chiuso stamattina e gli studenti rimandati a casa. Stesso discorso per le lezioni del Corso di Laurea in Informatica della Università Sapienza di Roma, canale AL, frequentate dall’altro figlio, che sono state sospese.

Sette i pazienti ricoverati allo Spallanzani

L'Istituto nazionale di Malattie Infettive ha spiegato che "sono sette i pazienti al momento ricoverati all'ospedale Lazzaro Spallanzani: i cinque casi positivi e la coppia di cinesi ormai negativa, che prosegue la riabilitazione dopo il lungo ricovero in Terapia Intensiva". Ricoverata allo Spallanzani la famiglia della trentottenne di Fiumicino, risultata positiva ai test per il nuovo coronavirus, insieme al marito e alla figlia di dieci anni, mentre il figlio di cinque continua ad essere negativo. Dallo Spallanzani fanno sapere che "il piccolo si trova in sorveglianza con la zia presso il nostro istituto". Ricoverato, un ulteriore caso positivo, un contagio proveniente dal Veneto. "Tutti i ricoverati sono in condizioni cliniche che non destano preoccupazioni ad eccezione di un caso che presenta una polmonite interstiziale bilaterale in terapia antivirale" si legge nel bollettino.

1.309 CONDIVISIONI
32465 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni