23.955 CONDIVISIONI
Covid 19
31 Marzo 2020
16:51

Morto per Coronavirus il primo medico nel Lazio: è il ginecologo Roberto Mileti di Latina

Roberto Mileti è il primo medico morto nel Lazio a causa del coronavirus. Il ginecologo aveva sessant’anni ed è stato ricoverato due settimane fa, dopo che aveva iniziato ad accusare i primi sintomi del Covid-19. Inizialmente era sembrato che stesse rispondendo bene alle cure, ma negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate.
A cura di Natascia Grbic
23.955 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Roberto Mileti è il primo medico morto nel Lazio a causa del coronavirus. Il ginecologo aveva sessant'anni e lavorava alla clinica San Marco di Latina. Si è spento dopo quindici giorni di lotta contro il Covid-19 all'ospedale Santa Maria Goretti. Il medico è morto lunedì sera alle 18: il suo corpo non ce l'ha fatta più a lottare contro la malattia, e dopo due settimane è arrivata la morte, nonostante tutti i tentativi dei medici per salvargli la vita. Date le disposizione sul governo per limitare i contagi, Roberto Mileti non potrà avere il funerale: ma i suoi colleghi medici hanno deciso di provare a omaggiarlo lo stesso, magari con una diretta su Facebook.

Morto Roberto Mileti: è il primo medico nel Lazio

Mileti è stato uno dei primi ad accusare i sintomi del Covid-19 in provincia di Latina. È la 13esima vittima a Latina dall'inizio della pandemia. In queste ore sono in molti a ricordarlo sui social, sia pazienti che aveva a Roma e che ancora lo ricordano per la bontà, l'educazione e la professionalità, sia i pazienti di Latina. Mileti si era trasferito nel capoluogo pontino vent'anni fa, ma per molti anni ha lavorato come ginecologo a Roma. La notizia della sua morte si è presto diffusa in tutta la provincia, causando sconcerto e cordoglio tra colleghi, amici e pazienti. Inizialmente era sembrato che stesse reagendo bene alle cure e che potesse sconfiggere la malattia: e invece pochi giorni fa le sue condizioni si sono molto aggravate. È stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva perché non riusciva più a respirare da solo. Poi ieri, alle 18, il suo cuore ha smesso definitivamente di battere.

23.955 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni