Le 200 mascherine vendute abusivamente sequestrate dai carabinieri
in foto: Le 200 mascherine vendute abusivamente sequestrate dai carabinieri

Mascherine sanitarie monouso vendute abusivamente a Roma. Anche gli ambulanti si adattano alla richiesta del momento, proponendo invece di ombrelli e rose, mascherine sanitarie a romani e turisti per proteggersi dal coronavirus CoVid-19, tra l'altro ad oggi non necessarie nel Lazio, dove non ci sono casi accertati, dopo la guarigione dei tre pazienti ricoverati all'ospedale Lazzaro Spallanzani. A finire nei guai un ambulante, cittadino del Bangladesh, sorpreso dai carabinieri nel centro storico, che ha ricevuto una multa di ben 5mila euro. Il provvedimento è scattato ieri a seguito dei controlli intensificati delle forze dell'ordine volti a contrastare il commercio illegale di mascherine e disinfettanti per le mani.

Multa e sequestro di mascherine

I carabinieri del Comando di Roma piazza Venezia lo hanno fermato in via IV Novembre, nei pressi di via Nazionale, e portato in caserma, per sottoporlo a ulteriori accertamenti. All'interno del suo zaino i militari hanno trovato circa 200 mascherine, pronte per essere vendute, che sono state sequestrate. Il venditore abusivo, sottoposto a sanzione amministrativa per la violazione del Regolamento di Polizia Urbana, ha ricevuto l’ordine di allontanamento per 48 ore.

Mascherine vendute a 5mila euro in tutta Italia

I militari del del Comando provinciale torinese della Guardia di Finanza stanno eseguendo da stamattina decine di perquisizioni e sequestri in tutta Italia. A finire sotto alla lente d'ingrandimento dei finanzieri la vendita illegale di mascherine sanitarie monouso e altri articoli volti alla protezione individuale. Ad essere raggiunte una ventina di persone, ritenute responsabili di aver messo in commercio merce a prezzi esorbitanti, fino a 5mila euro, approfittando dei primi casi di contagio di coronavirus nel Nord del Paese e in altre regioni.