174 CONDIVISIONI
Covid 19
5 Marzo 2020
8:17

L’agente di Pomezia con la polmonite: “Stava male già a inizio febbraio”

La moglie del poliziotto di Pomezia, ricoverato con polmonite allo Spallanzani: “Ci hanno detto che ci informeranno i medici di eventuali novità, ma non vediamo l’ora che telefoni lui. Mio marito si era ammalato già il 2 febbraio ed era mancato parecchio tempo dal lavoro. A fine gennaio aveva raccolto anche le denunce di cittadini cinesi e per questo si era preoccupato”.
A cura di Enrico Tata
174 CONDIVISIONI
Foto di repertorio
Foto di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

All'ospedale Spallanzani di Roma sono ricoverate 18 persone positive al coronavirus (dati aggiornati al 4 marzo). Tre di loro sono in terapia intensiva per una polmonite bilaterale e necessitano di assistenza respiratoria. Tra questi c'è anche il poliziotto del commissariato dell'Eur Spinaceto di Roma e residente, insieme alla famiglia, a Pomezia, a sud della Capitale. Al Messaggero la moglie, positiva anche lei insieme ai due figli e in isolamento domiciliare, ha raccontato: "Ci hanno detto che ci informeranno i medici di eventuali novità, ma non vediamo l'ora che telefoni lui. Mio marito si era ammalato già il 2 febbraio ed era mancato parecchio tempo dal lavoro. A fine gennaio aveva raccolto anche le denunce di cittadini cinesi e per questo si era preoccupato". Per i medici era un'influenza su cui, riporta il Messaggero, "ha inciso il nuovo virus".

Il racconto della moglie del poliziotto

Il 26 febbraio il poliziotto si è recato al pronto soccorso del policlinico di Tor Vergata: "Là nessuno gli ha creduto e dove lo hanno fatto stare seduto su una sedia, al freddo, per tutta la notte negandogli il test per il coronavirus, era in mezzo agli altri malati, abbandonato a se stesso e non avrebbero dovuto dimetterlo in quelle condizioni, tant'è che nel giro di poco la situazione è precipitata. Chiederò giustizia". Secondo gli esperti il "link epidemiologico" con le regioni ‘rosse' del nord sarebbe dovuto a un viaggio fatto dalla figlia tra il 14 e il 16 febbraio per assistere a un concerto a Milano. Il 28 febbraio il poliziotto è stato portato al pronto soccorso del policlinico Gemelli e poi, dopo la positività del tampone, è stato trasportato allo Spallanzani. Il medico di base, il 25 sera, lo aveva rimandato a casa dicendogli (giustamente, come prevede la regola) di chiamare il 1500. Ha telefonato al 1500, poi al 112 e (probabilmente visto che non c'era alcun link epidemiologico secondo il paziente) gli è stato detto di recarsi al pronto soccorso.

174 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni