Alcuni momenti dell’intervento dei carabinieri
in foto: Alcuni momenti dell’intervento dei carabinieri

C'è chi proprio non rinuncia alle "radicate abitudini", per dirla con il  premier Giuseppe Conte, anche in tempi di pandemia. È così accaduto che nel cortile condominiale di una palazzina popolare di Cassino, in provincia di Frosinone, dove un gruppo di una trentina di persone si è riunita per fare una grigliata in compagnia. Intere famiglie: anziani, adulti e bambini, con le gambe sotto i tavoli sistemati fuori i portici. Ma non tutti i condomini hanno apprezzato la sfrontatezza dei loro vicini, chiedendo l'intervento delle forze dell'ordine.

Quando sul posto, mascherine e guanti di ordinanza indossati diligentemente, sono arrivati carabinieri e polizia è scoppiato il parapiglia. I partecipanti alla grigliata non hanno gradito l'interruzione e invece di tornare nelle proprie abitazioni e a più miti consigli, hanno cominciato a inveire contro le forze dell'ordine, alcuni addirittura scagliandosi contro gli uomini in divisa, complice forse anche qualche bicchiere di troppo. Ne è scaturita una rissa al termine della quale dieci persone sono state identificate e denunciate.

Ma l'epilogo della giornata, come già emerso negli scorsi giorni, è forse ancora meno edificante: in un secondo momento proprio i cittadini che hanno opposto resistenza se la sono presa con i partecipanti alla grigliata che avevano deciso di battere in ritirata, accusandoli di averli lasciati soli di fronte a carabinieri e poliziotti a prendersi una denuncia. Ne è nata una nuova scazzottata che ha richiesto un secondo intervento delle forze dell'ordine.